Foto legavolley.it

Foto legavolley.it

CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA – CALZEDONIA VERONA 3-1 (22-25, 25-21, 25-19, 27-25) – CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA: Henno (L), Parodi 12, Paparoni, Stankovic 6, Kovar 8, Sabbi 19, Monopoli, Kurek 8, Baranowicz 5, Podrascanin 11. Non entrati Vitelli, Bonacic. All. Giuliani. CALZEDONIA VERONA: Zingel 10, Coscione 1, Pesaresi (L), Gasparini 10, Deroo 9, White 5, Bellei 1, Sander 19, Anzani 8. Non entrati Gitto, Blasi, Centomo, Borgogno. All. Giani. ARBITRI: Rapisarda, Vagni. NOTE – Spettatori 1700, incasso 6600, durata set: 27′, 25′, 25′, 33′; tot: 110′.

 

Comincia con una vittoria il ventesimo campionato in SuperLega UnipolSai della Cucine Lube Banca Marche. Dopo il trionfo nella Del Monte Supercoppa, i campioni d’Italia battono sudando una determinatissima  Calzedonia Verona (3-1: 22-25, 25-21, 25-19, 27-25), facendo sì che il dato relativo alla propria imbattibilità si estenda dalla stagione 2012/2013 a quella attuale. L’ultima battuta d’arresto dinanzi ai propri tifosi da degli uomini di Giuliani risale addirittura al 10 febbraio 2013 (1-3 contro Trento), quando i biancorossi indossavano sulle maglie il tricolore conquistato l’anno precedente nel V-Day di Milano contro la medesima formazione trentina.

Prima della partita, consegna dello stendardo di Campioni d’Italia alla Presidente Simona Sileoni da parte dell’Amministratore Delegato della Lega Pallavolo Massimo Righi, mentre il Presidente di Lega Albino Massaccesi ha premiato il “suo” libero Hubert Henno come miglior ricevitore 2013-14.

Orfana di Alessandro Fei, lasciato precauzionalmente a riposo per un problema agli addominali, nel primo set la squadra cuciniera risulta molto fallosa (ben 9 errori) e lascia strada libera ad una Verona dal canto suo generosissima in difesa, fastidiosa al servizio e super efficace in fase di cambio palla, dove brillano Sander (5 punti col 56% di efficacia sulle schiacciate) e soprattutto Anzani (4 punti, 100%). La Calzedonia tiene il muso davanti sin dalle prime battute, si fa riacciuffare dai marchigiani a quota 21 (contrattacco di Parodi) ma trova comunque la chiave decisiva con Gasparini che sfrutta al meglio la bordata in battuta di Sander, per mettere a terra la palla dell’ennesimo break sul 24-22. E’ poi un attacco out di Kurek a chiudere il conto in favore dei veneti. Che nel secondo parziale commettono qualche errore di troppo nelle schiacciate (8), consentendo alla formazione di Giuliani di prendere subito in mano le redini del gioco e pareggiare i conti. Si badi bene, si vede una Cucine Lube Banca Marche di tutt’altra pasta rispetto a quella precedente, specie in attacco dove saranno addirittura in tre a chiudere col 100% di efficacia: Parodi (3), Podrascanin (3) e Sabbi (5), molto concreto anche dai nove metri e sempre più a suo agio con il compagno di diagonale Baranowicz. Giani sostituisce Deroo con White quando già in avvio i biancorossi prendono un margine di vantaggio cospicuo (15-11 con un muro di Stankovic), dall’altra parte Giuliani gioca invece la carta Kovar al posto di Kurek, per proporre una ricezione di prim’ordine dinanzi ai tentativi veneti di rimontare affidandosi al servizio (2 ace). La parità la scrive virtualmente l’errore in attacco di Sander  che spedisce i campioni d’Italia sul 20-15, il punto del 25-21 finale che fissa l’1-1 è invece di Podrascanin. E da qui in avanti l’esultanza sarà solo ed esclusivamente dei padroni di casa. Dominatori indiscussi nel terzo set, nel quale Giuliani ripropone la staffetta tra Kurek e Kovar (entrambi hanno il 100% in attacco) e vede i suoi pigiare in maniera determinante sull’acceleratore sul 10-6, registrato con un muro di Podrascanin su Anzani e seguito da un errore in attacco del medesimo centrale veronese (finisce 25-19). Fortunati ma ancor più coriacei, invece, nel quarto parziale. In cui Verona firma un parziale di 4-0 ribaltando il 14-12 in favore dei cucinieri, sembra aver chiuso in cassaforte il tie break quando il turno al servizio di Deroo la porta dal 20-19 al 23-19, e dopo aver sciupato due set point si fa invece sorpassare dai campioni d’Italia. Parità a quota 24 con un ace di Baranowicz, poi il palcoscenico è per Giulio Sabbi, MVP della gara e top scorer con 19 punti, compreso quello del 27-25 (55% in attacco, 1 muro e 2 ace).

Da citare un fuoricampo spettacolare: a fine partita i tifosi di casa e quelli di Verona hanno organizzato dietro le tribune un ricco buffet e insieme hanno festeggiato la partita, vincenti e perdenti mescolati insieme, ospitando anche i giocatori.

 

VIDEO CHECK

1° SET

4-6 (muro Podrascanin): video check richiesto dalla Lube per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (4-7).

4° SET

4-5 (attacco Giulio Sabbi): video check richiesto dalla Lube per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (4-6).

19-21 (attacco out Podrascanin): video check richiesto dalla Lube per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (19-22).

 

Alberto Giuliani (allenatore Cucine Lube Banca Marche Treia): “Gara non facile, perché Verona secondo me darà del filo da torcere a tutti. Successo importante perché viene dopo un altro successo, e quest’anno sarà importante saper gestire le risorse mentali per esprimersi sempre al massimo sotto l’aspetto caratteriale. E oggi sono contento di questo, anche se è chiaro che dobbiamo evitare di commettere gli errori di troppo che si sono visti oggi. Il cambio palla sta andando molto bene, a parte qualche intoppo, ma servizio, muro e difesa devono ancora migliorare molto. Questa vittoria è arrivata sfoderando un grosso carattere, e tra gli aspetti positivi questo è sicuramente quello più importante”.

 

Andrea Giani (allenatore Calzedonia Verona): “Dispiace della sconfitta perché potevamo portare al tie break una partita strana, in cui due set sono stati favorevoli a loro e due a noi. L’obiettivo era riuscire a giocare punto a punto con i campioni d’Italia e ci siamo riusciti, mi dispiace però che negli ultimi punti del quarto parziale, in cui abbiamo avuto anche due punti per portare la gara al tie break, la squadra non sia riuscita ad esprimersi con quella tranquillità e concretezza che aveva messo in vetrina precedentemente”.

 

1a giornata di andata SuperLega UnipolSai

Sabato 18 ottobre 2014

Cucine Lube Banca Marche Treia – Calzedonia Verona 3-1 (22-25, 25-21, 25-19, 27-25)

Domenica 19 ottobre 2014, ore 17.30

Modena Volley – Sir Safety Perugia Diretta RAI Sport 1

Diretta streaming su www.raisport.rai.it

(La Micela-Pol)

Addetto al Video Check: Selmi Segnapunti Referto Elettronico: Gianaroli

Domenica 19 ottobre 2014, ore 18.00

Copra Ardelia Piacenza – CMC Ravenna Diretta Lega Volley Channel

(Gnani-Sobrero)

Addetto al Video Check: Spartà Segnapunti Referto Elettronico: Prandini

 

Revivre Milano – Exprivia Neldiritto Molfetta Diretta Lega Volley Channel

(Cipolla-Cappello)

Addetto al Video Check: Laurita Segnapunti Referto Elettronico: Balconi

 

Energy T.I. Diatec Trentino – Tonazzo Padova Diretta Lega Volley Channel

(Goitre-Braico)

Addetto al Video Check: Cristoforetti Segnapunti Referto Elettronico: De Benedetto

 

Top Volley Latina – Vero Volley Monza Diretta Lega Volley Channel

(Sampaolo-Zucca)

Addetto al Video Check: Renzi Segnapunti Referto Elettronico: Testa

 

Turno di riposo: Altotevere Città di Castello-Sansepolcro

 

 

Classifica

Cucine Lube Banca Marche Treia 3, Altotevere Città di Castello-Sansepolcro 0, CMC Ravenna 0, Copra Ardelia Piacenza 0, Energy T.I. Diatec Trentino 0, Exprivia Neldiritto Molfetta 0, Modena Volley 0, Revivre Milano 0, Sir Safety Perugia 0, Tonazzo Padova 0, Top Volley Latina 0, Vero Volley Monza 0, Calzedonia Verona 0.

1 Incontro in più: Cucine Lube Banca Marche Treia, Calzedonia Verona

Tags