novara modena(Fonte LVF) La diciannovesima giornata della Master Group Sport Volley Cup di Serie A1 regala i primi verdetti della stagione. Il successo 3-0 de Il Bisonte Firenze sulla Nordmeccanica Rebecchi Piacenza è sinonimo di salvezza per le toscane che conquistano il pass della massima serie per la prossima stagione a tre giornate dal termine della Regular Season. Condannate la Volley 2002 Forlì e la Zeta System Urbino, sconfitte rispettivamente dalla Pomì Casalmaggiore e dall’Imoco Volley Conegliano.
Complici i risultati di Piacenza e Busto Arsizio, i tre punti odierni incoronano le pantere di Chiappini, che ritrovano Adams nello starting six, al quarto posto solitario della classifica, con un punto di vantaggio proprio sulle bustocche.
Fondamentale, anche, lo 0-3 esterno ottenuto dalla Foppapedretti Bergamo al PalaYamamay. La squadra di Lavarini, ora in vantaggio nel conto delle sfide vinte contro le bustocche 10-9, sale a quota 31 punti in classifica, a una sola lunghezza dal sesto posto occupato da Piacenza.
Ai vertici, la Igor Gorgonzola Novara arriva a un soffio dalla conquista matematica del primo posto in Regular Season, ma la grinta e la classe della Liu Jo Modena riescono a riaprire il match quando tutto sembrava perduto. Novara si dimostra bella e concreta nei primi due parziali, il secondo addirittura vinto 25-11, ma Modena ritrova tutti i fondamentali nei due set successivi e manda la gara al tie break.
A tre giornate dal termine della stagione regolare, c’è ancora molto da decidere in Serie A1 in ottica di piazzamenti Play Off.

IL BISONTE FIRENZE – NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA 3-0 (25-18, 25-23, 29-27);
Tre set vinti, per confermare la propria presenza in Serie A1 anche nella stagione 2015-16. E’ questo il verdetto del Mandela Forum, che ha visto Il Bisonte Firenze condurre con grande determinazione un match dalle numerose insidie e che l’ha costretto a fare a meno inizialmente di Carmen Turlea, febbricitante.

Le iniziali difficoltà in attacco delle padrone di casa riescono a essere compensate da una buona prestazione in difesa che consente alla gara di rimanere in equilibrio per buona parte del primo set. Poi Pascucci comincia a scatenarsi e insieme a Calloni scava il break che manda Firenze al time out tecnico in vantaggio. Gaspari prova il doppio cambio con Kozuch e Caracuta per Dirickx e Van Hecke, poi sul 23-17 entra Turlea in prima linea per Pietrelli, ma è un attacco out di Sorokaite a regalare il primo set alle bisontine.

Gaspari mantiene in campo Kozuch al posto di Van Hecke, ma Piacenza fatica a trovare continuità. Il match rimane comunque equilibrato, poi è Sorokaite a provare il primo allungo ospite (9-11), seguita a ruota da Kozuch per il 10-14. Piacenza appare più incisiva e mantiene il vantaggio fino al 19-23. Poi le ospiti staccano la spina e Firenze ne approfitta: con un micidiale parziale di 6-0 le padrone di casa ribaltano la situazione. Leggeri spara out per il set point, che Calloni trasforma in un primo tempo vincente chiudendo per un incredibile 25-23.

Gaspari prova a giocare la carta Caracuta – al posto di Dirickx – ma Calloni trascina il Bisonte per il 5-2. Kozuch prova a mantenere il contatto, Di Iulio raggiunge la parità a 10. Ora il match è equilibrato, con le squadre che procedono a braccetto fino al 23-23. Una serie di errori da entrambe le parti mandano le squadre ai vantaggi, Negrini e Calloni poi annullano altri due set point alla Nordmeccanica. Pascucci mette giù il muro del 28-27, ma è l’attacco out di Kozuch a far esplodere di gioia il Mandela Forum.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – VOLLEY 2002 FORLI’3-1 (16-25, 25-18, 25-19, 25-15)
L’arma in più del primo set dell’Imoco Volley Conegliano è il servizio insidioso ed efficace che frutta l’ace di Ozsoy e di Adams nella prima fase di gara, ma la vera mattatrice del set è Aguero che padroneggia in attacco e consente a Forlì di costruirsi un discreto margine di vantaggio (10-16). Il muro out di Adams costringe Chiappini a chiamare time out, ancora un block out di Adams manda Forlì sul +6 (13-19). Vercesi è costretto a sostituire Ceron con Nazarenko per infortunio, ma il cambio produce solo ulteriori effetti positivi. Le ospiti martellando con giocate semplici e fluide e le pantere non riescono a essere ncisive. Forlì chiude il set 16-25 zittendo il Palaverde.

Il rientro in campo di Conegliano è diverso da quello sperato: Forlì continua sulla scia positiva del primo set e padroneggia con Ventura e Koleva che mettono in difficoltà il muro di casa, fino al 3-7. Adams impatta, l’ace di Barazza vale il vantaggio al time out tecnico. Conegliano accelera, Forlì, sotto pressione, comincia a sbagliare. Nikolova ritrova la vena, Ozsoy e Adams la imitano e Fiorin chiude i conti per il 25-18 che vale la parità nel conto set.

Cambia il sestetto di Conegliano nel terzo set: dentro Barcellini e Furlan fuori Fiorin e Adams, quest’ultima ancora a corrente alternata. Proprio Barcellini la fa da padrona nel primo break Conegliano (6-3), Ma nell’altro lato del campo l’eterna Aguero fa vedere sprazzi di classe e tiene viva Forlì, che pareggia con un muro di Neriotti (11-11). Il mani out di Nikolova vale il +5 per le padrone di casa (20-15), poi Barcellini conduce la squadra verso il 25-19 finale.

Conegliano tenta subito la fuga nel quarto set, ma la reazione firmata Aguero e Potokar riporta un’indomita Forlì all’aggancio (10-10). Ozsoy e Furlan impazzano, sospinte da una Barcellni scatenata. Il set prende velocemente la via del PalaVerde, con Barcellnini che mette la parola fine con il punto del 25-15 che condanna Forlì alla Serie A2.
Conegliano dovrà ora difendere il quarto posto solitario nei tre big match che la attendono da qui alla fine della Regular Season: Modena, Novara e Piacenza.

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 0-3 (25-27, 23-25, 22-25)
Dopo cinque anni la Foppapedretti Bergamo espugna il PalaYamamay, con una vittoria tonda che premia la prova maiuscola della squadra di Lavarini, trascinata da Celeste Plak, MVP del match e autrice di 21 punti con il 53% in attacco. Troppi gli errori commessi dalle farfalle, affaticate dal tour de force che le ha viste protagoniste e che culminerà giovedì nella trasferta a Mosca per il ritorno dei Play-Off 6 di Champions League.

Il primo set si apre all’insegna della parità: le due formazioni si fronteggiano equamente, con continui cambi di fronte che entusiasmano il pubblico sugli spalti. A muro Pisani e Melandri la fanno da padrona, Sylla sostituisce Blagojevic sul 22 pari e proprio la numero 17 segna l’attacco del 22-23. Una magia di Marcon regala il 25-24 per Busto, ma tutto è ancora aperto. Chiude Loda per il 25-27 finale.

Busto trova un discreto vantaggio a inizio di secondo set (6-3). Pisani si esalta a muro, ma le risponde Paggi per il 7-6. L’ace di Blagojevic vale la parità a 9, Perry affonda fino al +3 Busto (13-10). Alcuno errori delle farfalle permettono l’aggancio a Bergamo (16-16), poi Marcon e Diouf confezionano il break del 19-17; Lyubushkina affonda il 20-18. Ancora un errore delle padrone di casa concede il 20 pari. Plak di forza conquista il 23-24, Marcon attacca out il 23-25.

Parisi prova la carta Michel per Pisani ed è proprio la centrale inglese a stampare il muro del 5-3. Lyubushkina allunga per il 9-6, ma Plak mantiene viva la Foppapedretti (9-8). L’attacco out di Blagojevic vale il 14-11 che costringe Lavarini a sospendere il gioco. Si procede ancora una volta con continui cambi di fronte: il muro di Plak fa interrompere il gioco a Parisi (20-22). Ancora Plak passa anche per il 21-23, Diouf attacca largo (21-24), Plak chiude 22-25.

Blagojevic: “Sono contentissima per la vittoria perchè era tanto che non vincevamo in questo difficile palazzetto. Abbiamo giocato da squadra e questo mi rende particolarmente orgogliosa di questo successo. Faccio il mio più sincero in bocca al lupo alla UYBA per la partita di giovedì in Russia”
Parisi: “La differenza l’hanno fatta i nostri errori nei momenti decisivi. Le percentuali di entrambe le squadre sono buone, ma le nostre imprecisioni nei finali di tutti e tre i set hanno avvantaggiato le avversarie. In linea generale, ci è mancata un po’ di adrenalina. L’ingresso di Perry su Havelkova? La spalla di Helena era in sovraccarico, per cui ho preferito puntare su Becky che era bella fresca”.

IGOR GORGONZOLA NOVARA – LIU•JO MODENA 3-2 (25-23, 25-11, 19-25, 19-25, 15-13)
Sestetto iniziale, per Novara, con Partenio in campo al posto di Hill, influenzata. Modena sfrutta molto bene il muro nella fase iniziale del primo parziale. Le ragazze di Beltrami sprecano qualcosa di troppo in attacco, ma i block in vincenti delle sue centrali le permettono di rimanere in scia, a sole due lunghezze dalla capolista.
Chirichella al servizio esordisce con un ace per il +3 (9-6), Piccinini d’esperienza sfrutta il muro avversario per il -1.  Partenio si mette in mostra con una certa continuità dai nove metri, Rousseaux e Heyrman a muro bloccano Barun (14-13).  Signorile serve una palla perfetta per la diagonale di Klineman (16-14), poi l’ace di Klineman costringe Beltrami a sospendere il gioco (18-15). Fabris fa la voce grossa e mantiene aperto il set con il diagonale del 20-18, una giocata incredibile e anche fortunosa di Modena riporta la Liu Jo a -1.  Ancora uno scambio lunghissimo che premia Novara con Klineman che segna il punto 23, Barun da seconda linea toglie le castagne dal fuoco e le igorine si portano a un solo punto dal set.  Partenio senza paura porta il punteggio sul 25-23.

Pronti via e Novara prende subito il largo, 4-0 con l’ace di Partenio e Beltrami  che chiama time out. Al rientro in campo Chirichella si esalta murando Fabris, Modena manda in campo Rondon per Ferretti alla ricerca di una svolta necessaria, ma è ancora Chirichella a muro a brillare su Piccinini (7-0). Ancora block-in, stavolta di Barun che manda in bambola Modena, ma Fabris si ritrova e interrompe il parziale delle padrone di casa (9-1).  Il muro della Igor Gorgonzola rimane invalicabile: Klineman su Fabris manda la squadra al time out tecnico con il parziale impressionante di 12-1. Beltrami cerca di cambiare inserendo Kostic per Fabris,  Rousseaux a muro impedisce a Guiggi di passare (13-5). Con il set quasi al sicuro, Novara trova soluzioni e giocate con estrema facilità: Barun da seconda linea, Klineman di precisione, con il muro che continua a funzionare alla perfezione e si vola sul 21-9. Rondon sbaglia al servizio e in seguito è Kostic a mandare in rete il pallone del 25-11.

Dopo i cambi effettuati nel secondo parziale, Modena inizia il terzo rimandando in campo Fabris e Piccinini. Proprio la numero 12 manda a terra il punto numero due, ma Novara ricomincia ad aggredire le avversarie e con tre punti consecutivi si riporta in vantaggio. Partenio in contrattacco vale il 5-3, Barun immensa schiaccia decisa il punto del 7-3. Piccinini in parallela mantiene il contatto con le avversarie e poi manda a terra il punto della parità (9-9).  Questa volta è Novara a sbagliare qualcosa e Modena ne approfitta portandosi in vantaggio (10-11).  La Liu Jo è viva e Pedullà cerca subito di interrompere il ritmo delle avversarie chiamando time out (13-15). Folie ringrazia le difese delle proprie compagne e regala a Modena il punto numero 16, il muro di Crisanti sottolinea il primo momento di difficoltà di Novara (16-19). Rousseaux gioca d’astuzia sulle mani di Guiggi; ora il gioco di Modena è spumeggiante e le ragazze di Beltrami raccolgono quanto seminato conquistando il terzo set e riaprendo la gara 19-25.

Un errore al servizio da ambo le parti apre le danze del quarto set. Il set si dimostra equilibrato, con Piccinini che aumenta le proprie percentuali d’attacco (5-7),  Barun che le risponde a tono e Folie che schiaccia il pallone del 6-9. Rousseaux mura Barun, poi Fabris costringe Novara al muro out (8-11).  Tre punti consecutivi di Partenio riportano Novara a -1 (12-13), ma Modena sfrutta un recupero di Arcangeli che serve Piccinini per il 13-17. Novara appare confusa e Modena vola a +6 (15-21). Pedullà cambia palleggio con Mi Na Kim, ma Modena gioca con tranquillità e si avvicina con forza al tie break. Maruotti va al servizio con 9 set point a disposizione di Modena. Novara annulla tre set point, poi Rousseaux chiude 19-25.

Novara subito aggressiva nel quinto set: Partenio e Guiggi in ace segnano i primi due punti per le padrone di casa, Chirichella esulta al termine di uno scambio lunghissimo per il 3-1. Crisanti affonda per Fabris che schiaccia il 4-2, Arcangeli blocca Barun, poi l’attacco millimetrico di Fabris avvicina nuovamente Modena (5-3).  L’ace di Klineman significa il +3 per Novara (9-6), Barun risponde a Folie per il 10-7. La sicurezza di Barun avvicina Novara a soli tre punti dal match, Crisanti mantiene viva la sfida, Rousseaux dai nove metri porta Modena a -1 (12-11). La numero 5 forza ancora il servizio, ma stavolta la ricezione è buona. Klineman porta le sue a quota 13, l’attacco out di Barun è il 13-12. Klineman manda fuori gioco la difesa di Piccinini (14-12), Rondon annulla il match point. Chiude Klineman per il 15-13 finale che fa esplodere il PalaTerdoppio.

POMI’ CASALMAGGIORE – ZETA SYSTEM URBINO 3-0 (25-17, 25-8, 25-16)
La Pomì Casalmaggiore si riporta a un solo punto dal secondo posto in classifica, grazie al 3-0 odierno del PalaRadi di Cremona. L’inizio della squadra di Mazzanti è soft, con la pipe di Gennari che segna il 7-3, seguito dal muro di Stevanovic che spiana la strada a Casalmaggiore (9-3). Al time out tecnico le padrone di casa conducono con un netto 12-3. La Zeta System cerca dei correttivi mandando in campo al centro Vujko per Walker, ma la marcia della Pomì non si arresta. 17-6 per le rosa, prima di subire la timida reazione delle marchigiane innescata da Fresco. Tirozzi protagonista del finale di set: tre punti consecutivi chiudono le ostilità 25-15.

Tutto funziona alla perfezione per Casalmaggiore che si impone di prepotenza anche nel secondo set: 11-2. I fondamentali girano bene e anche a muro Gibbemeyer fa la differenza stampando il 13-3. Cambio della diagonale di palleggio con Agrifoglio per Ortolani e Bianchini per Skorupa. Anche le ospiti attuano una modifica schierando Vujko per Walker al centro. Sul 22-6 è il momento di un altro cambio nelle fila casalasche con Klimovich a rilevare Stevanovic. Proprio la bielorussa realizza il 23-8, quindi Tirozzi è protagonista dell’ace che vale il 24-8. Chiude Bianchini con l’attacco mancino da posto due.

Urbino tenta una reazione a inizio del terzo set, portandosi in vantaggio. La risposta di Casalmaggiore non si lascia attendere: due ace di capitan Tirozzi valgono il +2. Skorupa di seconda intenzione segna il punto del 13-7, Tirozzi in pipe è l 14-7.  Il punto numero 18 porta la firma di Ortolani, Gibbemeyer viene bloccata da Leggs per il 20-16. L’epilogo sulla stagione della Zeta System Urbino è a un passo: Gennari chiude a muro per il 3-0.

Imma Sirressi (MVP dell’incontro): “Mi lusinga il titolo di migliore in campo, ma oggi era difficile scegliere perché tutte le compagne, anche quelle che sono subentrate dalla panchina, hanno giocato bene. Per me questi punti e questa vittoria significano molto poiché arrivano contro una squadra come Urbino dove ho giocato qualche stagione fa e dove ho lasciato bei ricordi. Siamo state brave a partire subito aggressive e di slancio e a mantenere concentrazione e motivazioni durante tutto l’arco della gara”.
De Brandt. “Ho apprezzato nelle nostre avversarie le peculiarità della grande squadra, Casalmaggiore ha fatto bene durante tutta la stagione e lo farà anche nei play-off promozione. Sicuramente non è stato facile arrivare in corsa a guidare la squadra ma devo fare un plauso alle mie ragazze per l’impegno che mettono durante la settimana e la costanza che mostrano in campo”.

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup: il programma della 19^ giornata (domenica 8 marzo, ore 18.00)
Il Bisonte Firenze – Nordmeccanica Rebecchi Piacenza 3-0 (25-18, 25-23, 29-27);
Imoco Volley Conegliano – Volley 2002 Forlì 3-1 (16-25, 25-18, 25-19, 25-15)
Unendo Yamamay Busto Arsizio – Foppapedretti Bergamo 0-3 (25-27, 23-25, 22-25)
Igor Gorgonzola Novara – Liu•Jo Modena 3-2 (25-23, 25-11, 19-25, 19-25, 15-13)
Pomì Casalmaggiore – Zeta System Urbino 3-0 (25-17, 25-8, 25-16)
Metalleghe Sanitars Montichiari – Savino Del Bene Scandicci 3-1 (21-25, 25-17, 25-19, 25-17)

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup: la classifica
Igor Gorgonzola Novara 49, Liu Jo Modena 42, Pomì Casalmaggiore 41, Imoco Volley Conegliano 35, Unendo Yamamay Busto Arsizio 34, Nordmeccanica Rebecchi Piacenza 32, Foppapedretti Bergamo 31, Metalleghe Sanitars Montichiari 28, Savino Del Bene Scandicci 21, Il Bisonte Firenze 20, Volley 2002 Forlì 5, Zeta System Urbino Volley 4.

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup: i tabellini
IL BISONTE FIRENZE – NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA 3-0 (25-18, 25-23, 29-27)
IL BISONTE FIRENZE: Mastrodicasa 7, Petrucci 2, Liliom 1, Turlea, Negrini 11, Pascucci 17, Parrocchiale (L), Pietrelli 3, Calloni 17, Vingaretti. Non entrate Poggi, Savelli, Bertone. All. Vannini.
NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA: Sorokaite 10, Valeriano, Dirickx 1, Leggeri 2, Van Hecke 1, Di Iulio 9, Wilson 10, Caracuta 1, Kozuch 17, Cardullo (L). Non entrate Poggi, Borgogno, Angeloni. All. Gaspari.
ARBITRI: Cappelletti, Feriozzi.
NOTE – Spettatori 2000, durata set: 25′, 29′, 32′; tot: 86′.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – VOLLEY 2002 FORLì 3-1 (16-25, 25-18, 25-19, 25-15)
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Glass 3, Furlan 2, Fiorin 3, Adams 7, Arimattei, De Gennaro (L), Ozsoy 14, Nikolova 21, Barcellini 10, Barazza 8. Non entrate Boscoscuro, Katic, Nicoletti. All. Chiappini.
VOLLEY 2002 FORLì: Lancellotti, Stoltenborg 3, Ventura 6, Ceron 3, Potokar 1, Nazarenko 8, Guasti, Neriotti 7, Aguero 15, Filipova (L), Koleva 13, Ferrara (L). All. Vercesi.
ARBITRI: Pristerà, Venturi.
NOTE – Spettatori 3400, durata set: 27′, 25′, 23′, 22′; tot: 97′.

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 0-3 (25-27, 23-25, 22-25)
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Lyubushkina 9, Rania, Michel 5, Leonardi (L), Marcon 7, Perry 14, Diouf 10, Wolosz, Havelkova 2, Pisani 5. Non entrate Degradi, Camera. All. Parisi.
FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Mori, Loda 11, Paggi 8, Blagojevic 7, Merlo (L), Melandri 8, Radecka Sadurek 1, Plak 21, Sylla 2. Non entrate Deesing, Mambelli, Tasca. All. Lavarini.
ARBITRI: Piluso, Ravallese.
NOTE – Spettatori 4500, durata set: 28′, 26′, 33′; tot: 87′.

IGOR GORGONZOLA NOVARA – LIU JO MODENA 3-2 (25-23, 25-11, 19-25, 19-25, 15-13)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Partenio 12, Klineman 24, Kim, Guiggi 4, Bonifacio, Chirichella 10, Sansonna (L), Alberti, Signorile 1, Barun 24. Non entrate Zanette. All. Pedullà.
LIU JO MODENA: Rousseaux 21, Kostic, Heyrman 3, Ferretti, Folie 15, Arcangeli (L), Piccinini 9, Fabris 19, Crisanti 4, Maruotti, Rondon 3, Ikic 1. Non entrate Petrachi. All. Beltrami.
ARBITRI: Pozzato, Cipolla.
NOTE – durata set: 25′, 22′, 26′, 28′, 17′; tot: 118′.

POMì CASALMAGGIORE – ZETA SYSTEM URBINO VOLLEY 3-0 (25-17, 25-8, 25-16)
POMì CASALMAGGIORE: Ortolani 10, Skorupa 2, Bianchini 2, Sirressi (L), Gennari 15, Quiligotti, Gibbemeyer 6, Agrifoglio, Klimovich 1, Stevanovic 9, Tirozzi 15. All. Mazzanti.
ZETA SYSTEM URBINO VOLLEY: Zecchin, Agostinetto, Bruno (L), Fresco 8, Vujko 2, Santini 4, Lestini 9, Walker 3, Giacomel, Leggs 4. Non entrate Richey, Spelman. All. De Brandt.
ARBITRI: Montanari, Prati.
NOTE – Spettatori 2900, durata set: 25′, 19′, 25′; tot: 69′.

METALLEGHE SANITARS MONTICHIARI – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-1 (21-25, 25-17, 25-19, 25-17)
METALLEGHE SANITARS MONTICHIARI: Carocci (L), Dalia 4, Brinker 27, Tomsia 12, Alberti 5, Saccomani 1, Olivotto 2, Vindevoghel 6, Gioli 17, Serena. Non entrate Mingardi, Milani, Zampedri. All. Barbieri.
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Perinelli, Stufi 4, Garzaro 8, Lipicer Samec 8, Usic 8, Ruzzini (L), Muresan 2, Scacchetti, Vanzurova 22, Menghi, Vincourova 2. Non entrate Lussana. All. Bellano.
ARBITRI: Gasparro, Gini.
NOTE – durata set: 26′, 24′, 28′, 23′; tot: 101′.

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup: il prossimo turno (domenica 15 marzo, ore 18.00)
Foppapedretti Bergamo – Igor Gorgonzola Novara sabato 14 marzo 2015, ore 20.30, DIRETTA RAI SPORT 1
Liu•Jo Modena – Imoco Volley Conegliano
Zeta System Urbino – Il Bisonte Firenze
Volley 2002 Forlì – Metalleghe Sanitars Montichiari DIRETTA SPORTUBE
Nordmeccanica Rebecchi Piacenza – Unendo Yamamay Busto Arsizio ore 17.00, DIRETTA SPORTITALIA
Savino Del Bene Scandicci – Pomì Casalmaggiore

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup A2: Bolzano ancora vincente, Olbia ferma Soverato, Rovigo supera Trento. Bene il Club Italia, successo esterno per Aversa

Il successo in quattro set della Volksbank Sudtirol Bolzano ai danni della Obiettivo Risarcimento Vicenza estromette, di fatto, le biancoblù di Rossetto dalla corsa per la promozione diretta in Serie A1 e riconsegna il primato della Maser Group Sport Volley Cup A2 alle altoatesine. Buono il primo set giocato dalle ospiti, che si trovano presto a condurre con sicurezza il parziale, trascinate dalla solita Lucia Bacchi. Vicenza ritrova il ritmo e il successo nel secondo set, grazie ai punti pesanti messi a terra da Cialfi che riaprono le sorti della gara. L’infortunio di Strobbe nel terzo set – sostituita da Fronza – spezza l’entusiasmo delle padrone di casa che subiscono il colpo. Pur cercando di mantenere vivo il match, Vicenza non riesce più a essere incisiva e Bolzano ne approfitta per conquistare i tre punti.

Un Soverato mai in partita subisce una sonora sconfitta contro la Entu Olbia e complica di non poco il proprio percorso verso la zona Play Off. Dopo un inizio combattuto, le sarde riescono a prendere le misure alle avversarie e a condurre il set senza sorprese, fino al massimo vantaggio Olbia a +8 (19-11).  Nel secondo set Chiappafreddo tenta la carta Gili al posto di una spenta Aluigi, ma la situazione non cambia e Olbia si trova presto a condurre 12-5. Il set procede a senso unico, con Olbia più precisa in tutti i fondamentali e insidiosa anche dai nove metri.  Il terzo set non ha più nulla da dire, essendo una fotocopia dei set precedenti. Olbia conquista meritatamente i tre punti che sono una boccata d’ossigeno per il suo Campionato.

A Pavia, la Riso Scotti deve arrendersi in tre set al Club Italia, sempre protagonista con Egonu. L’inizio di gara è a favore delle padrone di casa, che sembrano poter condurre il parziale con sicurezza. Qualche errore di troppo nella metà campo delle vespe consente alle azzurre di mantenere il contatto e di portare a compimento il sorpasso grazie all’errore al servizio di Cogliandro. Egonu mette a terra sette palloni che consegnano il set alle ospiti. Ancora equilibrio nel secondo set, fino alla bordata di D’Odorico che manda il Club Italia in vantaggio al time out tecnico (9-12). Fernandinha mantiene la scia delle ospiti, Laura Garavaglia subentra a Catena e va subito a segno (12-18) prima dei pesanti punti di Egonu e Guerra (13-20). Conclude D’Odorico 17-25. Catena, Cogliandro, Brussa martellano il campo avversario costringendo Mencarelli al tempo sul 5-1 del terzo set. Egonu e Malinov ribaltano la situazione. Fernandinha sul secondo tocco conquista la battuta, Malinov la riprende subito e l’attacco out di Garavaglia valel’11-15. La pipe imprendibile di Egonu chiude i conti 20-15.

Una Lardini Filottrano che spreca molto subisce il ritrono della Corpora Aversa, brava a mantenere la concentrazione nelle fasi calde del match. Le ospiti vincono il primo parziale in rimonta, grazie al break di 7 punti che consente loro di portarsi dal 5-1 al 5-8. Secondo e terzo parziale condotti con sicurezza da Filottrano, concreta in attacco e precisa a muro. Le padrone di casa si trovano a gestire, in più di un’occasione, un ampio margine (16-6 nel secondo set) e riescono a portarsi sul 2-1. Nel quarto e nel quinto set Aversa ritrova incisività con Donà e Cvetanovic. Filottrano si trova a dover rincorrere, ma l’aggancio non riesce. Nel quinto set, il muro di Cheli e l’attacco di Cvetanovic spengono l’ardore rosanero.

Successo importante, in chiave Play Off, per la Beng Rovigo che ferma la corsa della Delta Informatica Trentino, quarta forza del campionato. La squadra di casa viene sospinta dalle giocate di Costanza Manfredini e Alessandra Guatelli, 34 punti in due. La sintesi della gara nelle parole del tecnico della formazione veneta: “Tre punti pieni che fanno bene all’umore e che ci proiettano nel migliore dei modi contro Monza. La mancanza della palleggiatrice titolare avversaria Demichelis, sostituita egregiamente da Morolli, non deve essere vista come una agevolazione in quanto la seconda  è stata in grado di tenere il campo con autorevolezza e si vede che le due settimane che hanno avuto a disposizione per preparare la gara sono state spese al meglio dal loro coach. Giovane e con meno esperienza di Demichelis, Morolli ha patito forse solo il primo set, ma certamente non è stata una partita facile per Beng, che si è dimostrata aggressiva fin da subito, senza lasciare alcuna occasione importante.
Il risultato del primo set ci ha fatto prendere un po’ di fiducia in più, ma abbiamo subito perso il secondo. Nel terzo la Beng ha messo in campo il proprio orgoglio riscattando la prova del parziale precedente. Nel quarto abbiamo dimostrato la nostra voglia di vincere, non mollando mai e ribaltando più volte il risultato fino al decisivo sorpasso dopo il 17esimo punto.
I tanti sacrifici in allenamento oggi hanno ripagato, ma come al solito, non dobbiamo permetterci alcuna disattenzione, il ritmo deve rimanere sempre alto perché mercoledì ci attende una grande squadra, domenica prossima Vicenza e poi Pavia. Quattro sfide toste.”

Mercoledì la Serie A2 tornerà in campo per la 20^ giornata, con il Club Italia che osserverà un turno di riposo. La posta in palio, per tutte le squadre impegnate, si fa sempre più alta.

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup A2: il programma della 19^ giornata (domenica 8 marzo, ore 18.00)
Entu Olbia – Volley Soverato  3-0 (25-16, 25-22, 25-16)
Riso Scotti Pavia – Club Italia 0-3 (21-25, 17-25, 20-25)
Beng Rovigo – Delta Informatica Trentino 3-1 (25-17, 16-25, 25-16, 25-21)
Obiettivo Risarcimento Vicenza – Volksbank Sudtirol Bolzano 1-3 (21-25, 25-19, 16-25, 17-25)
Lardini Filottrano – Corpora Aversa 2-3 (24-26, 25-12, 25-18, 22-25, 14-16)DIFFERITA RAI SPORT 2, martedì 10 marzo ore 22.30
Bakery Piacenza – Volalto Caserta 1-3 (25-20, 19-25, 21-25, 16-25)
Riposa: Saugella Team Monza

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup A2: la classifica
Volksbank Sudtirol Bolzano 44, Saugella Team Monza 43, Obiettivo Risarcimento Vicenza 38, Delta Informatica Trentino 31, Beng Rovigo 29, Corpora Aversa 28, Club Italia 28, Riso Scotti Pavia 27, Volley Soverato 21, Bakery Piacenza 18, Volalto Caserta 15, Entu Olbia 13, Lardini Filottrano 10.

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup A2: i tabellini
ENTU OLBIA – VOLLEY SOVERATO 3-0 (25-16, 25-22, 25-16)
ENTU OLBIA: Kiosi 17, Panucci 5, Garbet 10, Sintoni 3, Degortes (L), Pesce, Rebora 11, Segura 11, Mordecchi. Non entrate Facendola, Baldelli. All. Secchi.
VOLLEY SOVERATO: Bacciottini, Paris (L), Travaglini 3, Roani 4, Aluigi 2, Bertone, Minati 11, Gili 2, Frigo 5, Burduja 2, Smutna 1. Non entrate Pesut, Werth. All. Chiappafreddo.
ARBITRI: Pozzi, Di Blasi.
NOTE – durata set: 23′, 26′, 25′; tot: 74′.

RISO SCOTTI PAVIA – CLUB ITALIA 0-3 (21-25, 17-25, 20-25)
RISO SCOTTI PAVIA: Flavia 8, Brussa 8, Fernandinha 6, Garavaglia 1, Catena 4, Poma, Assirelli 6, Civardi (L), Cogliandro 8. Non entrate Bianchi, Di Bonifacio, Cappelli, Prandi. All. Braia.
CLUB ITALIA: Spirito (L), D’odorico 6, Egonu 15, Danesi 7, Guerra 8, Malinov 4, Berti 7. Non entrate Piani, Zannoni, Orro, Mabilo, Tenti, Camperi. All. Mencarelli.
ARBITRI: Del Vecchio, Curto.
NOTE – durata set: 23′, 22′, 26′; tot: 71′.

BENG ROVIGO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 3-1 (25-17, 16-25, 25-16, 25-21)
BENG ROVIGO: Zardo (L), Guatelli 14, Lotti 8, Brusegan 9, Musti De Gennaro 11, Crepaldi 2, Pincerato 4, Manfredini 20. Non entrate Norgini, M’bra, Coan, Lisandri, Puglisi. All. Flisi.
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Cardani (L), Marchioron 18, Morolli, Fondriest, Paoloni, Candi 9, Martini 6, Lamprinidou 12, Pirv 4, Bezarevic 2. Non entrate Demichelis, Pucnik, Candio. All. Gazzotti.
ARBITRI: Morgillo, Allegrini.
NOTE – durata set: 25′, 24′, 26′, 28′; tot: 103′.

OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA – VOLKSBANK SUDTIROL BOLZANO 1-3 (21-25, 25-19, 16-25, 17-25)
OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA: Strobbe 5, Cialfi 2, Lanzini (L), Kapturska 15, Cella 12, Baggi 1, Fiori, Smirnova 18, Pastorello 7, Ghisellini 1, Fronza. All. Rossetto.
VOLKSBANK SUDTIROL BOLZANO: Bresciani (L), Bonafini, Gabrieli 11, Kajalina 18, Papa 16, Repice 15, Bacchi 13, Mollers 9. Non entrate Filippin, Trevisan, Bertolini, Veglia. All. Bonafede.
ARBITRI: De Simeis, Marotta.
NOTE – durata set: 28′, 25′, 25′, 26′; tot: 104′.

LARDINI FILOTTRANO – CORPORA AVERSA 2-3 (24-26, 25-12, 25-18, 22-25, 14-16)
LARDINI FILOTTRANO: Karic 13, Stincone 3, Feliziani (L), Baroli, Cavestro 17, Villani 22, Martinelli 15, Malavolta, Rita 14. Non entrate Corazza, Carloni, Lupidi, Argentati. All. Paniconi.
CORPORA AVERSA: Focosi, Merkova, Drozina 4, Ferrara, Nardini 5, Donà 9, Cheli 4, Dekani 9, Cvetanovic 24, Giampietri (L), Lapi 8. Non entrate Lucariello. All. Della Volpe.
ARBITRI: Carcione, Valeriani.
NOTE – durata set: 28′, 23′, 24′, 28′, 20′; tot: 123′.

BAKERY PIACENZA – VOLALTO CASERTA 1-3 (25-20, 19-25, 21-25, 16-25)
BAKERY PIACENZA: Viganò 8, Fiesoli 1, Rocca, Cecchetto (L), Giuliodori 17, Do Carmo Braga 4, Saguatti 18, Cambi 3, Fava 4, Moretto 4, Ferretti 1, Gioia 7. All. Pistola.
VOLALTO CASERTA: Percan 22, Fanzini 9, Martinuzzo 13, Boriassi 6, Barone (L), De Lellis, Torchia 5, Soraia 16. Non entrate Gabbiadini, Perata, Armonia, Rocchi, Gagliardi. All. Giandomenico.
ARBITRI: Saltalippi, Bassan.
NOTE – durata set: 26′, 27′, 30′, 26′; tot: 109′.

70° Campionato Master Group Sport Volley Cup A2: il prossimo turno, mercoledì 11 marzo ore 20.30
Bakery Piacenza – Obiettivo Risarcimento Vicenza
Volksbank Sudtirol Bolzano – Volley Soverato  martedì 10 marzo 2015, ore 20.30
Beng Rovigo – Saugella Team Monza
Corpora Aversa – Entu Olbia
Volalto Caserta – Lardini Filottrano giovedì 12 marzo 2015, ore 20.30
Delta Informatica Trentino – Riso Scotti Pavia
Riposa: Club Italia

Tags