Foto Rubin per LVF

Foto Rubin per LVF

La Unendo Yamamay Busto Arsizio supera 3-1 (29-27, 22-25, 25-22, 25-21) la Foppapedretti Bergamo al PalaGeorge di Montichiari e si qualifica per la 19^ Supercoppa Italiana, in programma sabato 25 ottobre alle ore 20.30 al PalaIper di Monza e in diretta su Rai Sport 1.

Le farfalle di Carlo Parisi avranno così la possibilità di bissare il successo dell’ottobre 2012, ottenuto proprio nel palazzetto bresciano contro Villa Cortese. A cercare di impedirglielo sarà la Nordmeccanica Rebecchi Piacenza, la squadra che ha conquistato gli ultimi 5 trofei in Italia e andrà a caccia della doppietta in Supercoppa così come riuscitole con Scudetto e Coppa Italia tra 2013 e 2014.

Assoluta protagonista del match Valentina Diouf, attesissima alla prima uscita ufficiale con la maglia bustocca dopo il Mondiale, proprio contro la squadra in cui si è imposta a livello internazionale. L’italo-senegalese chiude con 27 punti, 2 ace e 3 muri e dà la sensazione, come accaduto contro il Brasile nella finale per il bronzo iridato, di essere a tratti incontenibile. Per Havelkova 15 punti, 12 per la capitana Marcon. La Foppapedretti Bergamo lotta alla pari praticamente per tutto il match, spreca qualcosa di troppo nel finale di primo set e scivola sul più bello. Migliore realizzatrice è Loda con 14 punti, 10 con 4 muri per Melandri.

La prima partita della stagione di Serie A è la perfetta continuazione emozionale dei Mondiali. Il PalaGeorge di Montichiari, di mercoledì sera, ha più di 2000 persone sugli spalti. E lo spettacolo che offrono due delle squadre simbolo degli ultimi anni è bellissimo e fa venire voglia di Campionato.

Carlo Parisi non può contare su Rebecca Perry e parte con Diouf opposta alla polacca Wolosz, Lyubushkina-Pisani al centro,  Havelkova e Marcon in banda e Leonardi libero. Stefano Lavarini deve fare a meno di Federica Tasca e schiera Sylla opposta a Radecka, con la statunitense Deesing e Melandri al centro, Loda e Blagojevic schiacciatrici di banda e Enrica Merlo libero.

Tanti ace in apertura. Avanti le rossoblù con i servizi vincenti di Loda e Blagojevic (7-4), sul turno di Havelkova le farfalle operano il sorpasso (8-7). Il mani out di Marcon tiene Busto sopra di una lunghezza (10-9), la mazzata di Diouf spedisce le squadre al primo time out tecnico sul 12-10. L’opposto azzurro sigla l’ace – come tanti ne aveva prodotti ai Mondiali – e dopo il muro di Wolosz è 16-14. Lavarini chiama time out, Loda piazza vicino alla riga di fondo e la Foppa è di nuovo sotto (16-17). La centrale russa in maglia biancorossa pare già ben inserita negli schermi bustocchi, sull’altro lato del campo Sylla realizza due punti di fila in attacco ed è sorpasso sul 20-19. Pipe vincente di Loda e 22-21, entra Plak per Blagojevic per alzare il muro. Diouf ci passa sopra ed è parità. Parisi inserisce Degradi al servizio, ma è di nuovo Sylla a fissare il +1. La numero 17 ci riprova, stavolta Havelkova la respinge (23-23). Diouf spedisce in rete il servizio e set point Bergamo: Havelkova annulla al termine di uno scambio prolungato. Deesing sbaglia l’impatto sulla fast e il set point è di Busto. Errore al servizio della ceca per il 25-25. Le rossoblù difendono su Diouf e contrattaccano con Loda, ma ancora pari sull’attacco di Marcon (26-26). Due servizi sbagliati e si procede in equilibrio. Un volo di Havelkova e un’alzata disperata in bagher di Wolosz innescano Diouf per il 28-27: il primo elettrizzante set è di Busto sul tocco di Marcon.

Gli Amici delle Farfalle e la Nobiltà Rossoblù nelle curve scaldano il primo freddo autunnale. Punteggio altalenante anche a inizio secondo parziale: Busto scappa 3-0, Bergamo agguanta il 3-3. Sul servizio incisivo di Loda le orobiche prendono un piccolo vantaggio (8-6), che piano piano s’ingrossa e diventa importante sul muro su Diouf (13-8). Parisi tenta la carta Camera per Wolosz, ma la prima alzata è per la fast larga di Lyubushkina. E’ nei tre metri la fast di Deesing, implacabile poco dopo sulla slash ed è addirittura 16-8. Con Degradi in campo la Unendo Yamamay si avvicina (13-18), sull’attacco in rete di Blagojevic e il muro a uno di Lyubushkina su Deesing è -3 (17-20). Mani fuori della serba e la Foppa respira. La pressione delle farfalle è fortissima, con Diouf si torna a contatto sul 20-21. Regalo di Havelkova al servizio, ma in un attimo è 22-22. Loda trasforma per il 23-22, Deesing trova l’ace del 24-22 e Camera invade: la Foppa reagisce sul più bello e si parte da zero.

Grande equilibrio sul tappeto rosa nel terzo set, al time out tecnico Bergamo è avanti 12-10 con l’attacco in diagonale di Loda. Reazione biancorossa e 14-12 con Havelkova, poi murata di Wolosz su Blagojevic in precario equilibrio per il 16-14. Risponde Radecka con la stessa arma, quindi Plak si sblocca con la pipe della parità a quota 16. Invasione di Pisani e le rossoblù rimettono la testa avanti sul 19-18. Nel momento topico del set, doppio block-in di Diouf e Pisani, due urla che infuocano il PalaGeorge. Ancora le braccia della ex più attesa permettono alle bustocche di allungare a +3 (22-19). Diouf incontenibile nel finale di parziale, due attacchi potenti per il 24-20. Battuta out di Degradi e muro di Deesing e i primi due set point sfumano. Al terzo colpisce Diouf e la UYBA guida le danze 25-22.

L’azzurra, appoggiata da Havelkova, scava il solco a inizio quarto set (6-2). Busto prova a sfruttare l’onda di entusiasmo, ma Bergamo, com’è nel suo spirito guerriero, non molla e risale sul 6-6 con il muro di Plak, altra reduce del Mondiale. Nuovo allungo delle farfalle e sul 6-10 Lavarini cambia Loda con Mambelli. La pipe intelligente di Blagojevic tiene a galla la Foppa, ma è molto complicato contenere Valentina Diouf, che prosegue nel suo personale show da prima e seconda linea per il 17-12. Anche Marcon dà il suo solito contributo ed è 19-14. Il match è nelle mani della squadra di Parisi, con Wolosz sempre lucida nella distribuzione. Dal 18-23 Bergamo tenta un ultimo guizzo e sale 20-23. Melandri è imprecisa sotto rete ed ecco i primi match point sul 24-20. Alla seconda opportunità Loda sbaglia il servizio e le biancorosse sono in finale.

Spareggio Supercoppa: il risultato
Unendo Yamamay Busto Arsizio-Foppapedretti Bergamo 3-1 (29-27, 22-25, 25-22, 25-21)

Spareggio Supercoppa: il tabellino
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – FOPPAPEDRETTI BERGAMO 3-1 (29-27, 22-25, 25-22, 25-21)
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Lyubushkina 5, Degradi 2, Michel 1, Leonardi (L), Marcon 12, Camera, Diouf 27, Wolosz 2, Havelkova 15, Pisani 5. Non entrate Rania, Perry, Aelbrecht, Angelina Giulia. All. Parisi.
FOPPAPEDRETTI BERGAMO: Mori 1, Deesing 9, Loda 14, Blagojevic 12, Merlo (L), Melandri 10, Radecka Sadurek 4, Plak 7, Mambelli, Sylla 8. Non entrate Pillepich Daniela, Tasca. All. Lavarini.
ARBITRI: Simbari, Tanasi.
NOTE – Spettatori 2089, durata set: 32′, 30′, 28′, 31′; tot: 121′.

19^ Supercoppa Italiana: la finale (sabato 25 ottobre, ore 20.30)
Nordmeccanica Rebecchi Piacenza – Unendo Yamamay Busto Arsizio DIRETTA RAI SPORT 1

Fonte LVF

Tags