Foto Legavolley.it

Foto Legavolley.it

(Fonte Legavolley.it) Risultati 2a giornata di andata SuperLega UnipolSai

Calzedonia Verona-Revivre Milano 3-0 (25-20, 25-21, 25-22); Exprivia Neldiritto Molfetta-Altotevere Città di Castello-Sansepolcro 3-1 (22-25, 25-19, 25-23, 25-21); Tonazzo Padova-Modena Volley 0-3 (15-25, 22-25, 20-25); Vero Volley Monza-Copra Ardelia Piacenza 1-3 (22-25, 25-22, 21-25, 21-25); CMC Ravenna-Top Volley Latina 3-1 (26-28, 25-23, 25-19, 25-21)

 

Turno di riposo: Cucine Lube Banca Marche Treia

 

Sir Safety Perugia-Energy T.I. Diatec Trentino gara in corso, iniziata alle ore 19.30 Diretta RAI Sport 1

 

SIR SAFETY PERUGIA – ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO 2-3 (25-21, 25-22, 19-25, 18-25, 15-17) – SIR SAFETY PERUGIA: Buti 8, Fromm 6, Paolucci, De Cecco 3, Beretta 9, Vujevic, Atanasijevic 28, Fanuli (L), Sunder 12, Maruotti 8. Non entrati Giovi, Barone, Tzioumakas. All. Grbic. ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Kaziyski 25, Birarelli 9, Zygadlo 2, Nemec 15, Thei, Giannelli, Lanza 11, Solé 13, Mazzone, Colaci (L), Burgsthaler 3. Non entrati Fedrizzi. All. Stoytchev. ARBITRI: Pasquali, Gnani. NOTE – durata set: 25′, 30′, 28′, 26′, 21′; tot: 130′.

 

L’esordio casalingo della Sir Safety Perugia, accompagnato dal calorosissimo saluto del pubblico del Palaevangelisti, è preceduto da due importanti riconoscimenti: il ricordo del piccolo Stefan Vujevic, figlio del capitano bianconero morto prematuramente lo scorso anno all’età di cinque anni a cui la città di Perugia insieme a tutta la Sir Safety hanno intitolato la curva dei tifosi del Palaevangelisti, e il premio “Andrej Kuznetsov” ad Aleksandar Atanasijevic.

Oltre due ore di partita con una Sir Safety che si impone con grande determinazione nei primi due parziali ma che si lascia recuperare e superare in un tie break chiuso sul filo di lana.

Inizio del match con i padroni di casa in grande spolvero che, con Fanuli in campo al posto del libero titolare Giovi fermo per un lieve infortunio, chiudono il primo set 25-21. Secondo set in grande equilibrio con le squadre che arrivano al time out tecnico punto su punto, nella fase finale però le alzate e i recuperi di De Cecco portano i perugini ad aggiudicarsi anche il secondo parziale per 25-21 con un grande attacco di Atanasijevic.

Il terzo set inizia con una pronta risposta della formazione ospite con maggiore attenzione soprattutto a muro, Perugia risponde con Sunder al posto di Fromm e Vujevic al posto di Maruotti ma Trento allunga e, nonostante una risposta bianconera sul finale, chiude 19-25.

Quarto set che inizia sulla scia del precedente con un’Energy T.I. Diatec Trentino che grazie ad una maggiore concentrazione e compattezza chiude 18-25 con errore al servizio di Beretta. Il tie break inizia in grande equilibrio ma mentre inizialmente è la squadra di casa a dettare legge, sul finire del parziale i trentini invertono l’andamento del gioco e recuperano punti. Il quinto set si chiude 15-17 per la squadra ospite. MVP: Matey Kaziyski Spettatori 3300

 

Chiamate Video Check

1° SET: 14-11 (muro Perugia) Video Check richiesto da: Trento per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (15-11)

3° SET: 1-2 (attacco Beretta) Video Check richiesto da: Trento per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (2-2)

3° SET: 10-14 (battuta Lanza) Video Check richiesto da: Trento per verifica in-out

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (11-14)

4° SET: 6-8 (muro Perugia) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (6-9)

4° SET: 10-15 (muro Trento) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (11-15)

5° SET: 11-10 (muro Trento) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata punto assegnato a Trento (11-11).

5° SET: 13-14 (muro Trento) Video Check richiesto da: Trento per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata punto assegnato a Perugia (14-14).

5° SET: 15-16 (muro Trento) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata punto assegnato a Trento (15-17).

 

Gabriele Maruotti (Sir Safety Perugia): “Siamo stati bravi nei primi due parziali a rimanere attaccati alla partita. Però abbiamo perso troppa concentrazione su battute anche poco efficaci. Anche nel tie break abbiamo dimostrato di essere in partita e di sapercela giocare ma c’è ancora molta strada da fare, così non basta”.

Emanuele Birarelli (Energy T.I. Diatec Trentino): “Una partita vinta in rimonta quando eravamo sotto di due set dimostra una grande qualità di gioco e tanta voglia di vincere. Tuttavia le cose da migliorare sono tante e sicuramente abbiamo tutte le carte in regola per fare molto meglio”.

 

EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA – ALTOTEVERE CITTà DI CASTELLO-SANSEPOLCRO 3-1 (22-25, 25-19, 25-23, 25-21) – EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA: Candellaro 6, Noda Blanco 10, Sket 13, Del Vecchio, Spirito 2, Romiti (L), Kooistra 19, Blagojevic, Hierrezuelo 4, Piscopo 6. Non entrati Puliti, Bossi, Porcelli. All. Di Pinto. ALTOTEVERE CITTà DI CASTELLO-SANSEPOLCRO: Teppan 2, Corvetta 3, Dolfo, Kaszap, Baroti 18, Tosi (L), Della Lunga 17, Aganits 6, Maric, Randazzo 10, Mazzone 7. Non entrati Franceschini, Lensi. All. Montagnani. ARBITRI: Cesare, Zavater. NOTE – durata set: 26′, 24′, 29′, 27′; tot: 106′.

 

E’ stata una gara avvincente quella che ha visto protagoniste Molfetta e Città di Castello sull’infuocato campo del PalaPoli. Sospinta dalla voglia di ben figurare nella prima gara casalinga, Molfetta cede solo nel primo parziale, assicurandosi i successivi tre, e chiudendo la pratica sul 3 a 1.

Nel primo set, Molfetta parte più incisiva, ma subito viene tallonata da Castello, che imponendosi in attacco e a muro, ristabilisce la parità, fino ad allungare nelle fasi finali del parziale, che si chiude con un errore in attacco della compagine di casa (22-25). Nel secondo set, la storia cambia sin dalle prime battute: Molfetta allunga con un Kooistra mai domo e un Noda Blanco ritrovato, dopo un primo parziale in ombra. Molfetta chiude in vantaggio, grazie anche agli errori di una Altotevere che perde in lucidità (25-19). Terzo set, gli uomini di Di Pinto continuano sulla falsariga del secondo, gli scambi si fanno più avvincenti, mettendo in luce le velleità difensive di entrambi i roster. Il punto a punto in finale di set, vede imporsi Molfetta con l’attacco vincente di Noda Blanco (25-23). Ultimo parziale che sorride ai padroni di casa, un turno in battuta di Kooistra garantisce ai molfettesi un gap di 5 lunghezze. I 27 minuti dell’ultimo set, chiudono la gara (25-21), garantendo al bottino molfettese altri 3 punti preziosi in chiave campionato. MVP della serata il capitano molfettese Kooistra, con 19 punti. Da segnalare la buona prova di Raydel Hierrezuelo, esordiente nelle fila della Exprivia Neldiritto Molfetta

 

Chiamate Video Check

1 Set

3-1 battuta Kooistra Video Check richiesto da Molfetta per verifica in out ; decisione arbitrale Invertita punto assegnato a Molfetta 4-1

2 Set

16-12 battuta Sket Video Check richiesto da Molfetta per verifica in out decisione arbitrale confermata punto assegnato a Città di Castello 16-13

3 Set

12-11 attacco Baroti Video Check richiesto da Città di Castello-Sansepolcro per verifica invasione a muro; decisione arbitrale confermata punto assegnato a Molfetta 13-11

 

Wytze Kooistra (Exprivia Neldiritto Molfetta): “Siamo contentissimi del risultato, nel primo set abbiamo sofferto in ricezione e, sistemato questo aspetto, abbiamo giocato la pallavolo che sappiamo. Qui a Molfetta, al PalaPoli, sarà dura per tutte le nostre avversarie”.

Dore Della Lunga (Altotevere Città di Castello-Sansepolcro): “Siamo due squadre simili sulla carta, ma Molfetta in casa ha una spinta in più. Dopo un buon primo set, abbiamo a tratti subito il loro gioco e non ci siamo imposti nel contrattacco. Da rivedere, anche i numerosi errori in battuta. Mercoledì ci aspetta una gara difficile contro Macerata e siamo consapevoli che dobbiamo migliorare alcuni aspetti, perché se non sei concentrato su ogni palla, queste gare, come quella di oggi, le perdi”.

 

VERO VOLLEY MONZA – COPRA ARDELIA PIACENZA 1-3 (22-25, 25-22, 21-25, 21-25) – VERO VOLLEY MONZA: Elia 4, Gotsev 8, Quesque, Tiberti, Galliani 20, Padura Diaz 8, De Pandis (L), Jovovic 2, Vigil Gonzalez 2, Botto 18, Wang 3, Bonetti. Non entrati Procopio. All. Vacondio. COPRA ARDELIA PIACENZA: Alletti 3, Le Roux 21, Vermiglio 2, Papi 6, Da Silva Pedreira Junior (L), Massari, Zlatanov 16, Ostapenko 9, Tencati, Kohut 13, Rodrigues Tavares. Non entrati Page, Marra, Ter Horst. All. Radici. ARBITRI: Puecher, Simbari. NOTE – Spettatori 1700, durata set: 26′, 31′, 29′, 30′; tot: 116′.

 

Un buon Vero Volley Monza perde la “prima” in casa (quasi 1700 spettatori) contro la Copra Ardelia Piacenza. La partita si apre con equilibrio: all’attacco di Padura Diaz per i padroni di casa, risponde prontamente il muro di Zlatanov per Piacenza: punteggio 1-1. Monza cerca di prendere però il largo sul punteggio di 2-2: due punti consecutivi di Galliani che prima attacca una buona palla servita da Jovovic e poi mura su Le Roux ed è 4-2 per i monzesi. Primo sorpasso di Piacenza arriva sul punteggio di 7-8, quando Elia manda fuori un primo tempo. Equilibrio fino all’8-8, poi Piacenza avanti fino al time-out tecnico (9-12) per gli ospiti. Set point di Zlatanov conquistato ma Vermiglio manda fuori il servizio 21-24. Monza ci crede. Padura Diaz attacca bene, e porta i suoi vicino a Piacenza (22-24), ma subito dopo Papi mette giù una gran palla: 22-25. Seconda frazione giocata meglio da Monza fin dall’inizio. Botto scatenato: attacco vincente, schiacciata di Galliani e ancora Botto portano i padroni di casa avanti 5-1. Piacenza prova a farsi sotto, ma al time-out tecnico si arriva sul punteggio di 12-10 per Monza. Lombardi che battono molto bene, soprattutto con Botto e riceve meglio di Piacenza 30% a 25%. La differenza la fanno però Botto e Galliani, che non sbagliano quasi mai. Il secondo set si chiude 25-22 per i padroni di casa. Terzo set fotocopia del primo set. Dopo una prima parte di equilibrio, i piacentini vanno avanti fino a più sette (12-19), staccando un Vero Volley poco preciso al servizio. Terzo set in cassaforte per gli emiliani 21-25. Quarto set altalenante. Prima Monza avanti 5-3, poi ritorno di Piacenza che aggancia e sorpassa, fino ad andare avanti 16-17. Grande equilibrio fino al 18-18. Piacenza prova a staccare Monza: muro di Kohut su Padura Diaz 19-23. La partita si chiude con due attacchi vincenti di Le Roux (MVP del Match) 21-25 per Piacenza.

MVP: Kevin Le Roux

 

Chiamate Video Check:

2° SET

20-18 (muro Piacenza). Video Check richiesto da Monza per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (20-19)

23-20 (muro Monza). Video Check richiesto da Piacenza per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Monza (24-20)

3° SET

16-20 (battuta Galliani). Video Check richiesto da Piacenza per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Monza (17-19)

4° SET

17-17 (muro Piacenza). Video Check richiesto da Monza per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (17-18)

 

Francesco Cattaneo (2° Allenatore Vero Volley Monza): “E’ stata una buona gara. Peccato, credo che con un pizzico di fortuna in più, qualche palla difesa un pochino meglio, saremmo riusciti a creare maggior fastidio ad una delle migliori formazioni del Campionato.”

Andrea Radici (Allenatore Copra Ardelia Piacenza): “Questa era una partita difficile per quello che era successo in settimana dentro e fuori dal campo. La squadra ha giocato bene, reagendo come mi aspettavo, soprattutto dal terzo set in poi. Siamo andati bene anche in attacco tranne il secondo set. Sono tre punti molto importanti”

 

CALZEDONIA VERONA – REVIVRE MILANO 3-0 (25-20, 25-21, 25-22) – CALZEDONIA VERONA: Zingel 9, Coscione 1, Pesaresi (L), Deroo 12, White 2, Bellei 10, Sander 13, Anzani 5. Non entrati Gitto, Blasi, Gasparini, Centomo, Borgogno. All. Giani. REVIVRE MILANO: Bencz 14, Horstink 9, Kauliakamoa Jr, Temponi Araujo, Patriarca 4, Rizzo (L), Mattera 3, De Togni 3, Dos Santos 4, Preti 5, Valsecchi. Non entrati Bermudez, Cerbo. All. Maranesi. ARBITRI: Pozzato, La Micela. NOTE – durata set: 25′, 24′, 27′; tot: 76′. Spettatori 2200

 

La Calzedonia Verona conquista la prima vittoria della stagione 2014-15 nel primo match casalingo, superando in tre set la Revivre Milano (25-20, 25-21, 25-22). Lo statunitense Taylor Sander è stato eletto MVP della gara dalla stampa presente, ma è andato al compagno di ruolo Sam Deroo il merito di top scorer scaligero (12 punti); dall’altra parte della rete l’opposto meneghino Bencz si è distinto con 14 punti (top scorer del match). Buona la prestazione dei gialloblù capaci di guidare senza problemi un primo set condotto dall’inizio alla fine e di recuperare punti di svantaggio pesanti sia nel secondo che nel terzo parziale. Giani ha dovuto rinunciare al capitano Mitja Gasparini (premiato come best server della stagione 13/14 ad inizio match) fermato per un problema fisico me ben sostituito dal compagno di ruolo Giacomo Bellei; nel sestetto titolare anche Coscione palleggiatore, Zingel e Anzani al centro, Sander e Deroo schiacciatori con Pesaresi libero. Maranesi ha schierato il sestetto titolare con Mattera palleggiatore, Bencz opposto, Patriarca-De Togni al centro, Horstink-Preti schiacciatori e Rizzo libero. Buon avvio di gara per la Calzedonia Verona che fin dalle prime battute conquista un vantaggio significativo (12-7). Milano accorcia fino al 16-14, ma gli scaligeri reagiscono con Sander da posto quattro e Zingel dal centro (20-14). Sul finale la Revivre mette a segno una serie di azioni consecutive vincenti che incutono timore agli scaligeri, ma Sander schiaccia forte da posto quattro per chiudere 25-20. Nel secondo parziale la Revivre raggiunge il vantaggio sul 6-7 e o mantiene fino al 17 pari, quando Sander è esplosivo in attacco. Verona trova fiducia e cresce, per archiviare il set 25-21. La Calzedonia parte “timida” nel terzo set, con Milano che conduce 5-9. Buone le intenzioni scaligere che si manifestano subito dopo, ma il time out tecnico scatta sull’8-12. Gli scaligeri ci mettono il cuore e agganciano Milano (14 pari). Con Zingel e Sander esplosivi Verona vola a più due (18-16) nella fase calda del match. Punto a punto. Verona vince la prima casalinga 25-22, il pubblico esplode.

MVP: Taylor Sander, schiacciatore Calzedonia Verona. Dato pubblico: 2.200 spettatori.

 

Chiamate video check

1° SET: 10-4 (attacco Horstink) Video Check richiesto da Milano per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (11-4).

1° SET: 23-19 (servizio Horstink) Video Check richiesto da Milano per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (24-19).

3° SET: 19-18 (attacco Sander) Video Check richiesto da Verona per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (19-19).

3° SET: 23-22 (servizio Kauliakamoa) Video Check richiesto da Milano per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (24-22).

 

Taylor Sander (Calzedonia Verona): “Grazie per questo bel premio della stampa, sono onorato. Abbiamo fatto una bella partita, abbiamo commesso parecchi errori ma siamo riusciti a recuperare sul più bello. E’ stato molto bello vincere e ottenere questi punti importanti. I ragazzi hanno giocato benissimo, mi hanno dato una mano a fare questa bella prestazione”.

Stefano Patriarca (Revivre Milano): “Sono contento, nonostante il risultato. Abbiamo giocato meglio rispetto alla prima partita. Abbiamo dato filo da torcere a Verona, un’ottima squadra. Quest’anno Verona può dire la sua, ci abbiamo provato ma dobbiamo continuare a lavorare. Sono fiducioso, sappiamo il valore del nostro gruppo e dove vogliamo arrivare”.

 

TONAZZO PADOVA – MODENA VOLLEY 0-3 (15-25, 22-25, 20-25) – TONAZZO PADOVA: Mattei 4, Orduna 3, Giannotti 13, Balaso (L), Gozzo 4, Volpato 7, Garghella, Aguillard 1, Quiroga 6. Non entrati Vianello, Rosso, Beccaro. All. Baldovin. MODENA VOLLEY: Mossa De Rezende 3, Petric 12, Boninfante, Casadei 3, Rossini (L), Ngapeth 12, Piano 7, Verhees 9, Vettori 8. Non entrati Donadio, Sala, Kovacevic. All. Lorenzetti. ARBITRI: Bartolini, Sampaolo. NOTE – Spettatori 2800, incasso 13000, durata set: 21′, 27′, 29′; tot: 77′.

 

Secca sconfitta nell’esordio casalingo per la Tonazzo Padova, battuta davanti ai quasi 3000 spettatori del PalaFabris per 0-3 dal Modena Volley, con i canarini che confermano il buon avvio di Campionato e conquistano la seconda vittoria consecutiva.

Avvio equilibrato tra le due squadre, anche se un mani out di Vettori e l’errore in attacco di Giannotti consentono a Modena di portarsi sul 6-9 con il primo time out richiesto da coach Baldovin. Trascinati da Ngapeth gli ospiti chiudono il time out tecnico sul 6-12. Il set è in discesa visti i numerosi errori al servizio di Padova. Chiude il muro di Vettori su Garghella per 15-25.

In avvio di secondo set, nelle file di Padova spazio a Gozzo in banda per Garghella. E’ proprio lui il protagonista di questa fase, visto che grazie ai suoi colpi trova il vantaggio del 6-4. Modena sembra far fatica ad ingranare e la squadra di casa ne approfitta costringendo coach Lorenzetti al time out sul 14-11. Casadei e Boninfante danno ossigeno ai modenesi ed è il solito Ngapeth a togliere le castagne dal fuoco (20-21). Il servizio di Modena mette in difficoltà la ricezione bianconera e sul 21-23 arriva il time out di coach Baldovin. E’ l’ultimo tentativo di ribaltare la situazione, ma ci pensa Ngapeth a murare Gozzo sul 22-25.

L’inizio del terzo set taglia le gambe ai veneti, con Vettori a piazzare a terra l’ace dell’1-6. Il set sembra riequilibrarsi grazie ad un break positivo della Tonazzo che trova consecutivamente i punti di Quiroga e Giannotti (11-13) con Aguillard in campo per Mattei. Grande l’equilibrio fino al 20-20, quando il nuovo entrato Casadei trova il servizio vincente del 20-23 che apre le porte alla vittoria finale. MVP Verhees

 

Chiamate Video Check

1° SET

13-21 (attacco Giannotti). Video check richiesto da: Modena Volley per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (13-22).

Contro richiesta di Padova per tocco muro di Modena su attacco di Giannotti. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (13-22).

2° SET

0-0 (muro Quiroga). Video check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in/out. Decisione arbitrale non confermata, punto assegnato a Padova (1-0).

9-8 (attacco Vettori). Video check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in/out. Decisione arbitrale non confermata, punto assegnato a Padova (10-8).

3° SET

6-11 (servizio Ngapeth). Video check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in/out. Decisione arbitrale non confermata, punto assegnato a Padova (7-11).

 

Valerio Baldovin (allenatore Tonazzo Padova): “Oggi abbiamo giocato più da “squadra” rispetto alla settimana scorsa. Tranne nel primo set, dove abbiamo sbagliato molto rendendo la vita facile a Modena, nei successivi abbiamo lottato su ogni palla. A volte dovremmo essere più spregiudicati, ma di sicuro stiamo facendo dei passi avanti importanti”.

Pieter Verhees (Modena Volley): “Sapevamo che a Padova sarebbe stata dura. Per loro era la prima sfida in casa in SuperLega e ovviamente volevano fare bella figura di fronte al proprio pubblico. E’ vero, abbiamo sofferto, ma disponiamo di una rosa con molti giocatori che danno il loro fondamentale contributo nel momento in cui vengono chiamati in causa. L’importante era trovare la vittoria e ci siamo riusciti”.

 

Giocata ieri, sabato 25 ottobre

CMC RAVENNA – TOP VOLLEY LATINA 3-1 (26-28, 25-23, 25-19, 25-21) – CMC RAVENNA: Mengozzi 13, Ricci, Cavanna, Toniutti, Gabriele, Jeliazkov 2, Koumentakis 11, Goi (L), Zanatta Buiatti 26, Cester 15, Bari (L), Cebulj 17. Non entrati Zappoli. All. Kantor. TOP VOLLEY LATINA: Manià (L), Rauwerdink 12, Sottile, Skrimov 9, Tailli, Van De Voorde 10, Rossi 4, Starovic 19, Semenzato, Urnaut 9. Non entrati Ferenciac, Pellegrino. All. Blengini. ARBITRI: Santi, Saltalippi. NOTE – durata set: 32′, 32′, 30′, 31′; tot: 125′.

 

Classifica (provvisoria)

Modena Volley, Exprivia Neldiritto Molfetta, CMC Ravenna 6, Energy T.I. Diatec Trentino 3*, Cucine Lube Banca Marche Treia*, Calzedonia Verona, Copra Ardelia Piacenza, Top Volley Latina 3, Altotevere Città di Castello-Sansepolcro*, Sir Safety Perugia*, Vero Volley Monza, Revivre Milano, Tonazzo Padova 0

 

* 1 incontro in meno: Altotevere Città di Castello-Sansepolcro, Energy T.I. Diatec Trentino, Cucine Lube Banca Marche Treia, Sir Safety Perugia

 

Prossimo turno

3a giornata di andata SuperLega UnipolSai

Mercoledì 29 ottobre 2014, ore 20.30

Copra Ardelia Piacenza – Calzedonia Verona Diretta RAI Sport 1

Diretta streaming su www.raisport.rai.it

Altotevere Città di Castello-Sansepolcro – CMC Ravenna Diretta Lega Volley Channel

Cucine Lube Banca Marche Treia – Tonazzo Padova Diretta Lega Volley Channel

Top Volley Latina – Sir Safety Perugia Diretta Lega Volley Channel

Modena Volley – Vero Volley Monza Diretta Lega Volley Channel

Energy T.I. Diatec Trentino – Exprivia Neldiritto Molfetta Diretta Lega Volley Channel

 

Turno di riposo: Revivre Milano

 

 

Serie A2 UnipolSai

2a giornata di andata: conquistano tre punti Vibo Valentia contro Tuscania, Alessano a Reggio Emilia e Potenza Picena a Matera. Al tie break hanno la meglio Castellana Grotte, Ortona e Sora su Brescia, Cantù e Corigliano

 

Risultati 2a giornata di andata Serie A2 UnipolSai

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 3-0 (25-14, 25-23, 25-22); Cassa Rurale Cantù-Sieco Service Ortona 2-3 (25-20, 30-32, 25-23, 13-25, 12-15); Domar Matera-B-Chem Potenza Picena 1-3 (25-20, 18-25, 23-25, 18-25); Globo Banca Pop. Frusinate Sora-Caffè Aiello Corigliano 3-2 (21-25, 25-22, 25-21, 12-25, 17-15) Differita RAI Sport 1 (martedì 28/10 ore 20.30); Materdominivolley.it Castellana Grotte-Centrale McDonald’s Brescia 3-2 (25-18, 26-24, 22-25, 20-25, 15-13); Conad Reggio Emilia-Aurispa Alessano 0-3 (19-25, 19-25, 21-25)

 

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA 3-0 (25-14, 25-23, 25-22) – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Sintini 1, Cesarini (L), Korzenevics, Forni 8, Vedovotto 17, Zanuto 7, Gavotto 13, Feroleto, Presta 6. Non entrati Medic, Korniienko, Marchiani, Sardanelli. All. De Giorgi. MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA: Buzzelli 18, Marchisio (L), Festi 8, Ottaviani 4, Di Felice, Shavrak 11, Silva 1, Alborghetti 10, Krumins. Non entrati Leoni, Vitangeli, Rossi. All. Tofoli. ARBITRI: Sessolo, Palumbo. NOTE – Spettatori 1000, incasso 2000, durata set: 22′, 28′, 27′; tot: 77′.

 

CASSA RURALE CANTÙ – SIECO SERVICE ORTONA 2-3 (25-20, 30-32, 25-23, 13-25, 12-15) – CASSA RURALE CANTÙ: Bargi, Monguzzi 8, Butti (L), Groppi, Mercorio 19, Santangelo 3, Carminati 1, Tamburo 25, Gerosa 3, Ippolito 21, Robbiati 5. Non entrati Rudi, Gatti. All. Della Rosa. SIECO SERVICE ORTONA: Simoni 11, Guidone 10, De Paola 15, Michalovic 37, Cortina (L), Lanci 2, Maiorana 12, Orsini 1. Non entrati Ceccoli, Matricardi, Toscani, Di Meo. All. Lanci. ARBITRI: Fretta, Pristerà. NOTE – durata set: 26′, 38′, 30′, 24′, 19′; tot: 137′.

 

DOMAR MATERA – B-CHEM POTENZA PICENA 1-3 (25-20, 18-25, 23-25, 18-25) – DOMAR MATERA: Pinelli 1, Cernic 15, Joventino Venceslau 13, Sesto 1, Zamagni 5, Bortolozzo 8, Villena 17, Suglia, Lo Bianco (L), Da Silva Fazanha. Non entrati Lapacciana, Monteleone. All. Mastrangelo. B-CHEM POTENZA PICENA: Polo 8, Bonami (L), Alikaj, Partenio 3, Calistri, Moretti 24, Tartaglione 16, Diamantini 7, Casoli 7. Non entrati Miscio, Gemmi, Quarta. All. Graziosi. ARBITRI: Canessa, Zingaro. NOTE – durata set: 25′, 30′, 29′, 23′; tot: 107′.

 

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – CAFFÈ AIELLO CORIGLIANO 3-2 (21-25, 25-22, 25-21, 12-25, 17-15) – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Fiore 15, Gaudieri (L), Marzola 1, Santucci (L), Sperandio 10, Paris 9, Salgado 14, Hirsch 21, Cittadino. Non entrati Corsetti, Cacciatore. All. Soli. CAFFÈ AIELLO CORIGLIANO: Calonico 6, Izzo, Casciaro (L), Tomasello, Banderò 26, Mariano 18, Walker 9, Lavia, Menicali 12, Colarusso. Non entrati Hrazdira. All. Ricci. ARBITRI: Frapiccini, Valeriani. NOTE – durata set: 28′, 28′, 30′, 25′, 24′; tot: 135′.

 

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – CENTRALE MCDONALD’S BRESCIA 3-2 (25-18, 26-24, 22-25, 20-25, 15-13) – MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Morelli 22, Marzo 2, Primavera (L), Latorre, Nero (L), Kouznetsov, Castellano 18, Primavera 1, Pedron 4, Spadavecchia 9, Giosa 6, Libraro 12. Non entrati De Serio. All. Fanizza. CENTRALE MCDONALD’S BRESCIA: Signorelli 12, Rodella 11, Crosatti, Bellini 18, Quartarone 2, Paoletti 26, Agnellini 9, Peli (L). Non entrati Fondrieschi, Maestrelli. All. Zambonardi. ARBITRI: Luciani, Cappelletti. NOTE – durata set: 21′, 27′, 26′, 24′, 19′; tot: 117′.

 

CONAD REGGIO EMILIA – AURISPA ALESSANO 0-3 (19-25, 19-25, 21-25) – CONAD REGGIO EMILIA: Catellani (L), Di Franco, Bertoli 8, Guemart 1, Tiozzo 1, Tondo 17, Bucaioni 1, Kody 5, Benaglia 2, Giglioli 6, Allesch 1. Non entrati Della Corte, Morgese. All. Cantagalli. AURISPA ALESSANO: Muccio 9, Schwagler 4, Parisi 2, Musardo, Bolla 10, Torsello 3, Grassano 5, Armenakis 19, Bisanti (L). Non entrati Nicolazzo, De Giovanni, Mazza. All. Medico. ARBITRI: Andreoni, Chimento. NOTE – durata set: 27′, 27′, 31′; tot: 85′.

 

Classifica

Globo Banca Pop. Frusinate Sora, Sieco Service Ortona 5, Cassa Rurale Cantù 4, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia, Caffè Aiello Corigliano, Materdominivolley.it Castellana Grotte, Aurispa Alessano, Conad Reggio Emilia, B-Chem Potenza Picena 3, Domar Matera 2, Centrale McDonald’s Brescia, Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 1

 

3a giornata di andata Serie A2 UnipolSai

Domenica 2 novembre 2014, ore 18.00

Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – Cassa Rurale Cantù Differita RAI Sport 1 (martedì 4 novembre, ore 20.30)

Sieco Service Ortona – Domar Matera

Centrale McDonald’s Brescia – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia

B-Chem Potenza Picena – Globo Banca Pop. Frusinate Sora

Aurispa Alessano – Materdominivolley.it Castellana Grotte

Caffè Aiello Corigliano – Conad Reggio Emilia

Tags