perugiaCUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA – TOP VOLLEY LATINA 1-3 (22-25, 25-16, 15-25, 25-27) – CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA: Fei 12, Henno (L), Parodi 7, Paparoni (L), Vitelli 2, Stankovic 13, Kovar 3, Sabbi 6, Monopoli 1, Garcia 1, Kurek 12, Podrascanin 10. Non entrati Shumov. All. Giuliani. TOP VOLLEY LATINA: Manià (L), Rauwerdink 3, Sottile 1, Ferenciac, Skrimov 12, Tailli, Davis 5, Rossi 7, Starovic 18, Urnaut 7. Non entrati Pellegrino, Caputo. All. Blengini. ARBITRI: Bartolini, Gnani. NOTE – Spettatori 3500, incasso 16000, durata set: 27′, 24′, 25′, 33′; tot: 109′. MVP: Starovic.

 

Si ferma nei Quarti di finale la corsa scudetto della Cucine Lube Banca Marche Treia, mentre la Top Volley Latina conquista la Semifinale come nel 2012. Nella decisiva Gara 3 andata in scena al Pala Civitanova la formazione allenata da Alberto Giuliani subisce la seconda sconfitta casalinga nella serie con l’ormai non più sorprendente Latina, che stavolta risulta fatale. Con il 3-1 di stasera (22-25, 25-16, 15-25, 25-27) i pontini, trascinati da un super Starovic (MVP con 18 punti, 5 a muro), si qualificano per la semifinale con Parmareggio Modena (sabato Gara 1 in Emilia), mentre i biancorossi si scuciono dalle maglie, con largo anticipo rispetto all’ipotizzabile, il tricolore conquistato nella passata stagione battendo in finale Perugia.

Cala dunque definitivamente il sipario sulla stagione della Cucine Lube Banca Marche, segnata da tappe che hanno regalato ai biancorossi gioie e dolori. La vittoria della Del Monte Supercoppa 2014, arrivata ad ottobre battendo Piacenza al tie break, l’eliminazione dalla Semifinale della Coppa Italia ad opera di Modena (2-3), poi l’uscita dalla Champions League con la doppia sconfitta nei Playoffs 12 contro i polacchi dello SKRA Belchatow, quindi il terzo posto nella Regular Season della SuperLega UnipolSai. Il resto è attualità.

Giuliani conferma la diagonale d’attacco Monopoli-Fei, la novità è invece l’inserimento nello starting six di Kovar, a formare la coppia di posto 4 con Parodi. Sulla sponda pontina Skrimov è regolarmente in campo (in diagonale con Urnaut), al centro confermato Daivs con Rossi, vista l’indisponibilità di Van De Voorde.

Il parziale d’apertura è tutto a favore degli ospiti, concreti al servizio e nel cambio palla, al cospetto di una formazione marchigiana che invece, nonostante 5 muri vincenti, sbaglia più del dovuto al servizio (7) e in attacco (5 errori diretti e 43% di efficacia), specie sulle bande. La Top Volley prende tre punti di vantaggio sul 13-10, sfruttando il buon turno in battuta di Skrimov e la risposta puntuale di Starovic nel contrattacco (5 punti col 57% per il serbo). Sul 20-16 per gli ospiti una beffa per i campioni d’Italia: Kovar si infortuna al ginocchio sinistro ed è costretto a lasciare anzitempo la gara, sostituito da Kurek. Latina chiuderà sul 25-22 con Urnaut.

Il secondo set registra tutt’altra partenza da parte della Cucine Lube Banca Marche, che alza il muro in avvio (3 vincenti, uno di Stankovic e due di fila per Kurek) portandosi addirittura sul 9-1. Blengini spende i suoi time out per cercare di tornare a far ragionare la sua squadra, che però continua a subire l’impatto di Podrascanin e compagni. Più efficaci dai nove metri, così come sotto rete, dove Monopoli stavolta può scegliere senza troppi patemi chi servire per la schiacciata: nel 56% di efficacia che si registra nel fondamentale, spiccano l’80% di Stankovic (5 punti), il 100% di Podrascanin (2) e il 62% di Fei (5 punti). Nel finale Giuliani cambia la diagonale d’attacco inserendo Ricardo-Sabbi, unitamente al giovane centrale Vitelli (per la regola degli stranieri) che avrà la soddisfazione di firmare il muro vincente del 25-16.

Botta e risposta tra Starovic e Sabbi all’inizio del terzo parziale. L’opposto della Top Volley, in serata di grazie sia al servizio che da posto 2, trascina i suoi fino all’11-4. Dall’altra parte, l’ingresso di Sabbi per Fei aiuta i biancorossi a risalire fino al 7-11, proprio con l’opposto azzurro sulla linea dei nove metri. Set riaperto, anzi no. Perché Latina, generosissima in difesa, continua a sfoderare il suo gioco tutto concretezza in ogni fondamentale (Starovic e Skrimov ancora protagonisti), che mette in estrema difficoltà i campioni d’Italia. Tornati a balbettare (e sbagliare) in attacco. Anche quando Giuliani mette nuovamente sul tavolo la carta Ricardo. Il 25-15 con cui il sestetto di Blengini (61% in attacco contro il 39% Lube, 3-1 nei muri) si porta sul 2-1 vale più di ogni altra considerazione. E il quarto set, emozionante, ha il medesimo esito quello precedente: un muro di Starovic su Kurek e il successivo contrattacco di Skrimov regalano ai laziali il break sull’11-8, quindi l’attacco out di Parodi (16-12) e un ace di Skrimov (19-22) che sembrano già regalare ai pontini verso la loro seconda semifinale della storia. La battuta di Sabbi, che segna la fine della rincorsa con la parità a quota 23, fa tornare la speranza ai 3500 del PalaCivitanova. Ma al terzo set point pontino il muro di Rossi su Sabbi zittisce tutti.

 

CHIAMATE VIDEO CHECK

1° SET

22-24 (attacco Urnaut): Video check richiesto da Treia per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Latina (22-25).

2° SET

1-0 (attacco Skrimov): Video check richiesto da Latina per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Treia (2-0).

3° SET

6-11 (attacco Skrimov): Video check richiesto da Treia per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Treia (7-11).

9-13 (attacco Kurek): Video check richiesto da Treia per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Latina (9-14).

9-15 (attacco Sabbi): Video check richiesto da Treia per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Latina (9-16).

4° SET

1-4 (attacco Starovic): Video check richiesto da Latina per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Treia (2-4).

10-13 (attacco Skrimov): Video check richiesto da Latina per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Treia (11-13).

25-26 (muro Rossi): Video check richiesto da treia per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Latina (25-27).

 

Gianlorenzo Blengini (allenatore Top Volley Latina): “Non ho parole per descrivere quello che siamo riusciti a fare. Nonostante le difficoltà che dobbiamo affrontare costantemente, questi ragazzi scendono in campo e riescono a dare sempre il massimo come se quelle difficoltà non esistessero. Sono orgoglioso di tutti loro”.

Marko Podrascanin (Cucine Lube Banca Marche Treia): “Purtroppo la partita di questa sera è stato lo specchio di questa serie dei Quarti di finale, in cui purtroppo non siamo mai riusciti ad esprimerci ai nostri migliori livelli. Mi dispiace tantissimo. Onore e merito a Latina che invece ha giocato benissimo in tutte le tre partite di questa serie”.

 

 

SIR SAFETY PERUGIA – CALZEDONIA VERONA 3-1 (25-20, 21-25, 26-24, 25-18) – SIR SAFETY PERUGIA: Buti 10, Fromm 14, De Cecco 5, Giovi (L), Barone 6, Tzioumakas 1, Beretta 3, Vujevic 8, Atanasijevic 21, Sunder. Non entrati Paolucci, Fanuli, Maruotti. All. Grbic. CALZEDONIA VERONA: Zingel 7, Coscione 7, Pesaresi (L), Gitto, Gasparini 17, Deroo 7, White 3, Bellei 1, Sander 12, Anzani 5. Non entrati Blasi, Centomo, Borgogno. All. Giani. ARBITRI: Cesare, Satanassi. NOTE – Spettatori 3312, durata set: 30′, 33′, 34′, 33′; tot: 130′. MVP: Giovi.

 

La Sir Safety Perugia è di nuovo in semifinale: batte 2-1 nella Serie dei Quarti la Calzedonia Verona e si prepara a incrociare fin da sabato la Energy T..I Diatec Trentino in Semifinale. Primo set in perfetto equilibrio giocato tutto punto su punto fino al primo timeout tecnico quando Perugia, avanti 12-11, ingrana la marcia e allunga sugli avversari (20-14) grazie ad un gioco perfetto ed alle difese dell’Mvp indiscusso della sfida Andrea Giovi.

Verona c’è e tenta di non lasciarsi scappare il set (21-17), ma i padroni di casa si impongono 25-20.

Cambio di rotta nel secondo parziale. Stavolta è Verona a condurre il gioco e a sfruttare meglio la fase break (8-12). Il vantaggio dei gialloblu rimane costante durante tutto il parziale fino alla fase finale quando Perugia alza la testa e prova a riaprire il set con il turno di Atanasijevic al servizio. Ma Coscione e compagni non mollano il parziale e riportano la situazione in parità, chiudendo il secondo 21-25 con il colpo di Sander.

Intensità incredibile nel terzo parziale. Entrambe le formazioni giocano a livelli altissimi e ogni azione è giocata al cardiopalma. Si arriva a suon di break e controbreak alla lotteria dei vantaggi. Alla fine è Perugia a chiudere 26-24 con l’errore decisivo di Gasparini.

Verona tira fuori gli artigli nel quarto set e balza a condurre con l’incisivo Zingel (7-9). De Cecco, Fromm e Atanasijevic guidano la riscossa bianconera fino all’ace del tedesco che segna sul tabellone 20-15. Il palazzetto è tutto in piedi e la Sir vola in semifinale con il primo tempo di Buti che fa partire la festa del popolo perugino.

 

CHIAMATE VIDEO CHECK

1° SET

17-12 (muro Anzani) Video Check richiesto da: Verona per verifica invasione Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (18-12)

2° SET

1-3 (battuta Sander) Video Check richiesto da: Verona per verifica in out Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (2-3)

8-11 (muro Verona) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (8-12)

13-16 (attacco Sander) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (13-17)

3° SET

23-23 (battuta Gasparini) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (24-23)

4° SET

0-1 (attacco Perugia) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (0-2)

0-2 (attacco Perugia) Video Check richiesto da: Verona per verifica in out Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Verona (0-3)

12-12 (attacco White) Video Check richiesto da: Verona per verifica in out Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Verona (12-13)

14-13 (muro Perugia) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (15-13)

 

Rocco Barone (Sir Safety Perugia): “Questa è una vittoria importantissima. Volevamo a tutti i costi passare il turno e siamo riusciti a centrare l’obiettivo. Voglio spendere una parola per ringraziare il pubblico che è stato fondamentale per questo risultato”.

Simone Anzani (Calzedonia Verona): “Ci è mancata qualche difesa in più nel terzo set e un po’ di carattere nel quarto. Avevamo avviato la partita in maniera molto simile a gara 1, ma sul finale non abbiamo saputo mantenere ed imporre il nostro gioco ripetendo quella prestazione”.

 

 

Play Off SuperLega UnipolSai – QUARTI DI FINALE Gara 3

Mercoledì 22 aprile 2015

Sir Safety Perugia (4a) – Calzedonia Verona (5a) 3-1 (25-20, 21-25, 26-24, 25-18)

Cucine Lube Banca Marche Treia (3a) – Top Volley Latina (6a) 1-3 (22-25, 25-16, 15-25, 25-27)

 

Play Off SuperLega UnipolSai – SEMIFINALE Gara 1

Sabato 25 aprile 2015, ore 18.00

Energy T.I. Diatec Trentino (1a) – Sir Safety Perugia (4a) Diretta RAI Sport 1

Diretta streaming su www.raisport.rai.it

Parmareggio Modena (2a) – Top Volley Latina (6a) Diretta Lega Volley Channel

 

Play Off SuperLega UnipolSai – SEMIFINALE Gara 2

Martedì 28 aprile 2015, ore 20.30

Top Volley Latina (6a)– Parmareggio Modena (2a)

Sir Safety Perugia (4a)- Energy T.I. Diatec Trentino (1a)

Una gara in diretta alle 20.15 su RAI Sport 1 e una in diretta su Lega Volley Channel

 

Play Off SuperLega UnipolSai – SEMIFINALE Gara 3 Eventuale

Venerdì 1 maggio 2015, ore 18.00

Energy T.I. Diatec Trentino (1a) – Sir Safety Perugia (4a)

Parmareggio Modena (2a) – Top Volley Latina (6a)

Una gara in diretta su RAI Sport 2 alle ore 18.30 e una in diretta su Lega Volley Channel

 

Play Off SuperLega UnipolSai – FINALE Gara 1

Domenica 3 maggio 2015, ore 18.15

Finalista (migliore Regular Season) – Finalista (peggiore RS) Diretta RAI Sport 2

Play Off SuperLega UnipolSai – FINALE Gara 2

Mercoledì 6 maggio 2015, ore 20.30

Finalista (peggiore RS) – Finalista (migliore RS) Diretta RAI Sport 1

Play Off SuperLega UnipolSai – FINALE Gara 3

Domenica 10 maggio 2015, ore 17.30

Finalista (migliore RS) – Finalista (peggiore RS) Diretta RAI Sport 1

Play Off SuperLega UnipolSai – FINALE Gara 4

Mercoledì 13 maggio 2015, ore 20.30

Finalista (peggiore RS) – Finalista (migliore RS) Diretta RAI Sport 1

Play Off SuperLega UnipolSai – FINALE Gara 5

Domenica 17 maggio 2015, ore 18.15

Finalista (migliore RS) – Finalista (peggiore RS) Diretta RAI Sport 2

 

 

FORMULA PLAY OFF SCUDETTO

Le squadre classificatesi dal 1° all’8° posto partecipano ai Play Off Scudetto. I Quarti di Finale e Semifinali al meglio di 3 gare la Serie di Finale si disputa al meglio delle 3 vittorie su 5 partite. Le gare 1, 3 e 5 si disputano in casa delle squadre con la miglior classifica al termine della Regular Season, gara 2 ed eventuale gara 4 in casa delle squadre con peggior classifica.

 

Tags