MODENA VOLLEY LATINA (15)Risultati 10a giornata di andata SuperLega UnipolSai

Modena Volley – Top Volley Latina 3-0 (25-20, 25-19, 25-18); Calzedonia Verona – CMC Ravenna 3-0 (25-22, 25-18, 25-14); Cucine Lube Banca Marche Treia – Sir Safety Perugia 3-1 (23-25, 25-23, 26-24, 27-25); Copra Piacenza – Exprivia Neldiritto Molfetta 3-0 (25-12, 25-18, 25-21); Altotevere Città di Castello-Sansepolcro – Energy T.I. Diatec Trentino 0-3 (16-25, 17-25, 21-25); Vero Volley Monza – Revivre Milano 2-3 (22-25, 23-25, 25-23, 25-20, 12-15)

 

Turno di riposo: Tonazzo Padova

 

MODENA VOLLEY – TOP VOLLEY LATINA 3-0 (25-20, 25-19, 25-18) – MODENA VOLLEY: Mossa De Rezende 6, Boninfante, Casadei, Rossini (L), Ngapeth 16, Piano 7, Verhees 7, Kovacevic 13, Vettori 10. Non entrati Donadio, Sala, Petric, Ishikawa. All. Lorenzetti. TOP VOLLEY LATINA: Manià (L), Rauwerdink 9, Sottile, Skrimov 3, Van De Voorde 7, Rossi 3, Starovic 8, Semenzato 1, Urnaut 7. Non entrati Pellegrino, Tailli, Davis. All. Blengini. ARBITRI: Sampaolo, Satanassi. NOTE – Spettatori 2700, incasso 24000, durata set: 27′, 28′, 22′; tot: 77′.

 

Modena vince la nona gara su nove, porta a 8 il numero di 3-0 consecutivi eguagliando il record della Panini 1985-86 di Velasco e conquista la matematica certezza dei primi 4 posti del girone d’andata che significa giocare al PalaPanini il Quarto di Finale del 6 Gennaio della Del Monte Coppa Italia. Parte il match ed è l’equilibrio a farla da padrone con i liberi Rossini e Manià autori di grandi difese. Starovic ottimamente servito da Sottile sul 5-6, poi è il muro di Piano a colpire per il 7-5. Modena macina gioca e Bruno libera Kovacevic per il 9-6, poi è il centrale potino Rossi a mettere palla a terra. Si va a timeout sul 12-9, con attacco di Vettori e la mancata difesa di un Urnaut comunque sempre micidiale in attacco. Latina si ritrova dopo un breve break ed è Rauwerdink a metter giù l’11-13. Starovic picchia forte per il 16-12, Piano risponde con un grande primo tempo. Grande palla di Verhees che fa 3 su 3 e porta i geminiani sul 19-16. Ngapeth risponde ad un ottimo Van De Voorde, 21-18 e time out chiesto da Blengini. L’ace di Bruninho porta Modena 23-18. Ngapeth chiude il set dopo una bordata al servizio di Casadei entrato per Kovacevic. Il secondo parziale inizia con Latina scatenata con un grande Rauwerdink. Ngapeth picchia per il 7-6, Starovic risponde per il 7 pari, è grande volley al PalaPanini. Il match è teso anche sottorete e l’arbitro Sampaolo richiama a sé i capitani Bruno e Sottile. Starovic picchia forte sul muro e porta il match sul 10-10. Starovic manda fuori e Modena va sul 15-13 poi è Verhees a fare il 16-13, a seguire l’ace di Ngapeth ed il giallo a capitan Bruninho da parte dell’arbitro. La partita è infuocata, anche sugli spalti gremiti del PalaPanini. Kovacevic con una bella parallela risponde a Rossi, 20-16, e poi mette giù il 21-16. Muro di Vettori: 23-18, Ngapeth spara, 24-18, lo stesso francese chiude il set 25-19. Il terzo set si apre sotto il segno di Ngapeth con Latina in difficoltà, 4-0. Starovic mette giù una palla difficile, Vettori risponde, 6-3, poi c’è l’ace di Ngapeth. Grande muro di Rossi su Vettori, poi è Piano a murare Starovic, Modena vola sull’ 11-5, si va al time out tecnico sul 12 a 6. Verhees mura a uno il connazionale Van De Voorde, 14-8. Manià fa un miracolo in difesa, Vettori mette giù il punto successivo, è 15-10. Modena prende il largo con un grande Kovacevic e la regia di Bruno e si va sul 21-13. Grande palla di Urnaut, 22-15. Modena non si ferma ed Ngapeth firma il 25-18 che significa molto più di una vittoria. MVP: Uros Kovacevic

 

Chiamate del Video Check:

1° SET

7-5 (Attacco Ngapeth) Video Check richiesto da: Modena per verifica in/out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Modena (8-5).

2° SET

11-10 (Attacco Ngapeth) Video Check richiesto da: Latina per verifica invasione. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Latina (11-11).

19-16 (Attacco Kovacevic) Video Check richiesto da: Latina per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (20-16).

 

Angelo Lorenzetti (allenatore Modena Volley): “Faccio i complimenti ai miei ragazzi, era una partita difficile, contro una squadra che gioca una grande pallavolo. E’ iniziato un ciclo molto intenso che ci porterà a giocare tanti match importanti ravvicinati. Questo gruppo sta facendo grandi cose e sono contento che anche questa settimana la gara sia stata preparata bene. Il record della Panini 85/86 eguagliato con gli 8 tre a zero? Un onore, significa che chi verrà a giocare a Modena si ricorderà anche di noi, e non è cosa da poco”.

Gianlorenzo Blengini (allenatore Top Volley Latina): “Faccio grandi complimenti a Modena ed a Lorenzetti che sta facendo qualcosa di molto importante. La squadra poteva sicuramente fare di più, nel terzo set in particolare ci siamo lasciati un po’ andare, ora occorre ripartire subito e lavorare sodo in vista dei prossimi impegni”.

 

 

COPRA PIACENZA – EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA 3-0 (25-12, 25-18, 25-21) – COPRA PIACENZA: Alletti 9, Poey 10, Vermiglio 2, Ter Horst, Da Silva Pedreira Junior (L), Massari 8, Zlatanov 13, Ostapenko 8, Tencati, Rodrigues Tavares. Non entrati Marra, Papi, Kohut. All. Radici. EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA: Candellaro 6, Noda Blanco 3, Sket 6, Del Vecchio 1, Spirito, Romiti (L), Kooistra 2, Puliti 1, Bossi 7, Blagojevic 2, Hierrezuelo 5. Non entrati Porcelli. All. Di Pinto. ARBITRI: Santi, Cappello. NOTE – Spettatori 3000, incasso 16000, durata set: 22′, 25′, 27′; tot: 74′.

 

Di fronte ai 3026 spettatori del PalaBanca la Copra Piacenza torna finalmente a mettere a segno una vittoria da 3 punti dopo l’ultima lontanissima vittoria casalinga risalente al 29 ottobre scorso. Tra le mura amiche Zlatanov e compagni mettono in scena una pallavolo stellare che fino a stasera rappresentava solo un vago ricordo rispetto alla Piacenza vista in campo nell’ultimo mese. La Copra Piacenza torna ad emozionare e far esaltare i tifosi biancorossi, gran merito spetta a capitan Zlatanov (eletto a gran voce MVP a fine gara) e al nuovo opposto Poey: per entrambi chiusura a doppia cifra (rispettivamente 13 e 10 punti) con il numero 11 emiliano in grado di distinguersi soprattutto sui 9 metri grazie ai suoi 5 ace. Per Piacenza fila tutto liscio dall’inizio alla fine, lo sottolineano anche i numeri a fine gara: 9 gli ace, 77% la ricezione (contro il 39%), 42% l’attacco (30% per Molfetta). Molfetta supera i padroni di casa unicamente a muro: 8 quelli messi a segno contro i 6 piacentini. Se per Piacenza la decima giornata di andata scorre sul velluto, per Molfetta invece la partita, il cui esito era fondamentale in chiave Coppa Italia, è completamente da dimenticare: troppi gli errori in battuta (10) e le disattenzioni in ricezione.

 

Chiamate del Video Check:

1° SET

14-8 (battuta Ostapenko) Video Check richiesto da Piacenza per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Piacenza (15-7)

2° SET

4-2 (muro Piacenza) Video Check richiesto da Molfetta per verifica invasione a muro. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (4-2)

20-13 (muro Molfetta) Video Check richiesto da Piacenza per verifica invasione a muro. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Molfetta (20-13)

3° SET

4-3 (muro Piacenza) Video Check richiesto da Molfetta per verifica invasione a muro. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (4-3)

6-6 (attacco Piacenza) Video Check richiesto da Piacenza per verifica in-out, decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Molfetta (6-6)

21-19 (attacco Poey) Video Check richiesto da Molfetta per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (21-19)

23-21 (muro Molfetta) Video Check richiesto da Piacenza per verifica invasione a muro Molfetta. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Piacenza (24-21)

 

Aimone Alletti (Copra Piacenza): “Oggi siamo riusciti a spingere al servizio e di conseguenza a mettere in difficoltà la ricezione di Molfetta. Loro probabilmente non sono scesi in campo con la mentalità giusta, cosa che noi siamo riusciti a mettere in pratica dall’inizio alla fine. Finalmente stiamo iniziando a capire il nostro potenziale di gioco e nelle ultime partite riusciamo a giocare senza paura”.

Vincenzo Di Pinto (allenatore Exprivia Neldiritto Molfetta): “Quando andiamo sotto pres sione facciamo fatica perché vengono a mancarci alcune certezze. Con Poey Piacenza ha portato a termine una buonissima partita, noi in alcune frazioni siamo stati ingenui e abbiamo commesso molti errori. Piacenza con l’ingresso dell’opposto Poey si è avvicinata tantissimo alle squadre del vertice della classifica”.

 

 

ALTOTEVERE CITTÀ DI CASTELLO-SANSEPOLCRO – ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO 0-3 (16-25, 17-25, 21-25) – ALTOTEVERE CITTÀ DI CASTELLO-SANSEPOLCRO: Franceschini, Corvetta 1, Dolfo 3, Baroti 17, Tosi (L), Della Lunga 5, Aganits, Maric 1, Randazzo 9, Mazzone 3. Non entrati Teppan, Lensi, Daldello. All. Montagnani. ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Kaziyski 9, Birarelli 9, Zygadlo 2, Nemec 15, Giannelli, Lanza 13, Solé 5, Colaci (L), Fedrizzi. Non entrati Nelli, Thei, Mazzone, Burgsthaler. All. Stoytchev. ARBITRI: Boris, Pasquali. NOTE – durata set: 23′, 22′, 26′; tot: 71′.

 

L’Energy T.I. Diatec Trentino passa agevolmente a Sansepolcro battendo 0-3 un’orgogliosa Altotevere che però poco ha potuto contro la corazzata del Presidente Mosna. Per l’Altotevere Baroti ritrova il suo posto da titolare dopo l’infortunio, mentre Stoytchev presenta la formazione tipo con l’ex Nemec nel ruolo di opposto.

Parte forte Trento con il turno di battuta di Solè (0-3) cui risponde Della Lunga con una pipe ed un ace che riporta tutto in parità. Sale poi alla ribalta il muro trentino con 5 punti consecutivi che scava un primo solco importante fra le due squadre (6-11). La ricezione della squadra di Montagnani soffre molto sul servizio avversario ed il gap si amplia (8-15). Prova a tornare sotto l’Altotevere con l’ace di Randazzo (14-19). Ma proprio l’ex Nemec, protagonista sia in attacco che a muro, va a vanificare il ritorno dei padroni di casa permettendo ai suoi di aggiudicarsi la prima frazione (16-25).

Si procede a strappi all’inizio del secondo set con Trento a condurre e l’Altotevere ad inseguire fino al 9 pari. Poi ancora la squadra di Stoytchev allunga con decisione, il turno al servizio di Kaziyski si rivela letale per la ricezione biancorossa e Trento in un attimo è avanti di 5 lunghezze (10-15), break che si rivela determinante per le sorti del set che Birarelli e compagni si aggiudicano per 17-25.

Montagnani inserisce Dolfo e Franceschini per Della Lunga e Aganits e i padroni di casa hanno una reazione di orgoglio arrivando ad avere fino a quattro punti di vantaggio (10-6). Ma Trento non si perde d’animo e piano piano rosicchia il margine agli altotiberini fino al sorpasso (20-21). Da lì in poi i ragazzi di Stoytchev vanno in scioltezza conquistando la posta piena con Lanza che mette a terra con la mano sinistra da posto quattro il punto della vittoria (21-25). MVP: Martin Nemec (Trentino Volley).

 

Chiamate del Video Check:

2° SET: 14-20 (attacco Baroti) Video Check richiesto da Altotevere per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Altotevere (15-20)

3° SET: 13-11 (invasione Altotevere) Video Check richiesto da Altotevere per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata punto assegnato a Trento (13-12)

 

Arpad Baroti (Altotevere Città di Castello-Sansepolcro): ” La nostra non è stata una brutta partita, ma dobbiamo migliorare in palla alta e ricezione per essere più competitivi anche con queste grandi squadre. Trento infatti è una squadra molto ben organizzata e non lascia spazio a chi commette errori”.

Martin Nemec (Energy T.I. Diatec Trentino): “Sono felice di aver rivisto tanti amici. Le partite non sono mai facili, anche questa l’abbiamo preparata tatticamente con molta cura con lo scopo di ottenere i tre punti. L’abbiamo fatto e dobbiamo continuare così”.

 

 

CALZEDONIA VERONA – CMC RAVENNA 3-0 (25-22, 25-18, 25-14) – CALZEDONIA VERONA: Zingel 11, Coscione 2, Pesaresi (L), Gitto, Gasparini 15, White 3, Bellei 1, Borgogno 1, Sander 14, Anzani 7. Non entrati Blasi, Deroo, Centomo. All. Giani. CMC RAVENNA: Mengozzi 6, Ricci, Cavanna 3, Zappoli 2, Gabriele, Jeliazkov 2, Koumentakis 3, Goi (L), Zanatta Buiatti 6, Cester 3, Bari (L), Mc Kibbin, Cebulj 12. All. Kantor. ARBITRI: Sobrero, Goitre. NOTE – Spettatori 1900, durata set: 27′, 26′, 24′; tot: 77′.

 

La Calzedonia Verona si impone per 3 a 0 contro la Cmc Ravenna in una delle sfide più importanti della 10^ giornata del campionato di SuperLega UnipolSai. La gara che vedeva appaiate le due formazioni a pari punti in classifica (15) ha sorriso ai gialloblù padroni di casa che dopo un primo set giocato con determinazione e forza, hanno saputo esprimere un gioco continuo e positivo per i rimanenti due parziali.

Giani ha mandato in campo White per Deroo mentre Renan ha ritrovato una maglia da titolare dopo l’infortuno alla mano. Verona scende in campo con White e Sander Schiacciatori, Anzani e Zingel al centro, Coscione palleggiatore, Gasparini opposto e Pesaresi libero.

Ravenna risponde con Cavanna palleggiatore, Renan opposto, Cebulj e Zappoli schiacciatori, Cester e Mengozzi al centro con Bari, in staffetta con Goi, libero.

Il primo set è il più combattuto di tutta la gara. Ravenna sviluppa un gioco di qualità con buone percentuali in tutti i fondamentali. Verona, dal canto suo, fatica a trovare continuità di gioco ed è costretta ad inseguire con sei punti da recuperare. Punto dopo punto i gialloblù si riavvicinano e il turno al servizio di Bellei da il la per il rush finale. Si chiude sul 25 a 22 dopo un ace di Gasparini. Il secondo e il terzo parziale sono praticamente in fotocopia. Ravenna fatica in attacco e chiude i parziali rispettivamente al 30% e 27% mentre Verona si attesta sempre sul 44%. I gialloblù dimostrano un buon sistema di gioco e i vantaggi conquistati sono sempre ben gestiti. Nel finale entra anche Borgono, al suo esordio in SuperLega UnipolSai. MVP: Taylor Sander

 

Chiamate del Video Check:

1° SET

9-14 (Attacco White). Video Check richiesto da Verona per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Verona (10-14)

24-22 (Ace Gasparini). Video Check richiesto da Ravenna per verifica invasione riga. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (25-22).

2° SET

1-1 (Attacco Gasparini). Video Check richiesto da Verona per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Ravenna (1-2)

3° SET

17-8 (Attacco Koumentakis). Video Check richiesto da Ravenna per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale invertita. Punto assegnato a Ravanna (17-9).

 

Mitja Gasparini (Calzedonia Verona): “Siamo molti contenti del risultati. Siamo partiti un po’ nervosi e non aggressivi come volevamo. Quando abbiamo sistemato il muro e l’attacco non c’è stato più niente da fare e abbiamo centrato bene questa vittoria. E’ la quarta consecutiva, vogliamo arrivare il più in alto possibile”.

Stefano Mengozzi (CMC Ravenna): “Siamo partiti bene nel primo set.- Avvevamo preparato bene la partita, poi è arrivato un calo abbastanza evidente e quello ha compromesso tutto l’andamento della partita. Dobbiamo ripartire da quel primo set e cancellare la rimanente parte di partita. Dobbiamo stare più tranquilli”.

 

 

VERO VOLLEY MONZA – REVIVRE MILANO 2-3 (22-25, 23-25, 25-23, 25-20, 12-15) – VERO VOLLEY MONZA: Elia 11, Gotsev 12, Tiberti 5, Galliani 16, Padura Diaz 5, De Pandis (L), Jovovic, Botto 16, Wang 13, Bonetti. Non entrati Procopio, Vigil Gonzalez, Cominetti. All. Vacondio. REVIVRE MILANO: Bencz 28, Kauliakamoa Jr 1, Patriarca 1, Rizzo (L), Mattera, De Togni 10, Dos Santos 8, Veres 17, Preti 7, Valsecchi 8. Non entrati Bermudez, Cerbo. All. Maranesi. ARBITRI: Zanussi, Puecher. NOTE – Spettatori 1600, durata set: 27′, 27′, 28′, 28′, 21′; tot: 131′.

 

Al PalaIper di Monza va in scena un derby incandescente a partire dalle coreografia (1611 spettatori). La prima sfida in SuperLega UnipolSai tra Vero Volley Monza e Revivre Milano se l’aggiudica Milano. Nonostante il cuore dei monzesi infatti, che sotto due a zero hanno pareggiato i conti due a due spingendo la partita al tie-break, Milano risulta più lucida nel tie-break e conquista la seconda vittoria al tie-break della stagione. Dopo l’equilibrio dei primi due set, vinti dalla Revivre grazie alla continuità in attacco dell’asse Kauliakamoa-Bencz, sono seguiti un terzo e quarto set giocati molto bene dal Vero Volley. Vacondio lancia nella mischia Wang Chen dal secondo set, al posto di un opaco Padura Diaz, ed il cinese lo ripaga mettendo a referto 13 punti finali. Galliani e Botto, i migliori dei monzesi dal punto di vista realizzativo con 16 punti, tengono a galla il Vero Volley. La chiave dei padroni di casa nel terzo e quarto set sono le giocate dei centrali Elia e Gotsev: il primo mette a segno il primo tempo decisivo che regala il terzo set al Vero volley, il secondo è uno degli uomini più continui del quarto parziale. Il bulgaro stampa prima un buon primo tempo, 8-6, e poi mura su De Togni per il 9-6 che lancia il Vero Volley a più tre su Milano. Il quarto set prosegue con Monza che tenta di scappare e Milano che prova a rimanere agganciata. Grande attacco da posto due di Wang Chen, 22-18 per i padroni di casa, a cui risponde il primo tempo di Patriarca, 22-19. Botto attacca in modo vincente da posto quattro e poi mura su Bencz, 24-19 per Monza. Milano ci prova con Veres, 24-20, ma il Vero Volley chiude il set con la pipe di Galliani, 25-20. Il tie-break parte male per i monzesi che non sembrano lucidi come nel terzo e quarto set. Fino al 4-4 è tutto da decidere, poi il Vero Volley commette degli errori di deconcentrazione e la Revivre ne approfitta andando in vantaggio 6-4.. Dopo il time-out di Maranesi sul tentativo di rientro dei padroni di casa (9-12), Botto accorcia ancora, 12-10, ma poi sbaglia al servizio regalando il punto numero 13 alla Revivre. Nonostante una grande prestazione, con un’ottima regia e tre muri finali, il fallo al palleggio chiamato a Tiberti lancia Milano avanti 14-10. Wang Chen stampa un muro su Vinicius, illudendo i tifosi brianzoli ad un possibile recupero, ma Bencz (MVP della partita) spegne le speranze con un attacco vincente: il tie-break si chiude 15-12. Milano vince 3-2 aggiudicandosi due punti. Il Vero Volley di Oreste Vacondio ottiene un punto, il secondo della stagione, rimandando nuovamente l’appuntamento con la prima vittoria stagionale.

 

Chiamate del Video Check:

1° SET

14-16 (muro Milano). Video Check richiesto da Monza per invasione a muro. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (14-17)

20-22 (attacco Valsecchi). Video Check richiesto da Monza per attacco in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (20-23)

4° SET

4-3- (attacco Veres). Video Check richiesto da Monza per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (4-4)

5° SET

2-2-(attacco Vinicius). Video Check richiesto da Milano per verifica in/out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Milano (2-3)

7-11-(servizio Tiberti). Video Check richiesto da Monza per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (7-12)

 

Daniele De Pandis (Vero Volley Monza): “Nonostante la sconfitta abbiamo dimostrato carattere. Ci sono tante cose su cui dobbiamo lavorare, ogni volta a fine set facciamo quei piccoli errori che poi ci costano caro. Dobbiamo fare meglio le cose semplici: appoggi, coperture e difese. Quando riusciremo a migliorare questi dettagli, arriveranno le prime gioie”.

Alessandro Preti (Revivre Milano):“Sapevamo che non sarebbe stata facile. Monza ha giocato davvero bene, dopo un nostro ottimo inizio nei primi due set. Nei momenti decisivi del terzo e quarto set abbiamo fatto fatica nel contrattacco. Nel tie-break ,invece, siamo stati bravi a giocare con continuità. Questa è una vittoria che ci da morale anche in chiave della prossima partita in casa contro Altotevere Città di Castello Sansepolcro”.

 

Giocata ieri, 13 dicembre 2014

CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA – SIR SAFETY PERUGIA 3-1 (23-25, 25-23, 26-24, 27-25) – CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA: Henno (L), Parodi 13, Paparoni (L), Stankovic 9, Kovar 11, Sabbi 24, Monopoli, Shumov, Kurek, Baranowicz 4, Podrascanin 11. Non entrati Bonacic. All. Giuliani. SIR SAFETY PERUGIA: Buti 3, Fromm 14, Paolucci 1, Giovi (L), Barone 8, Tzioumakas, Beretta 1, Vujevic, Atanasijevic 15, Fanuli (L), Maruotti 16. Non entrati Cricco. All. Grbic. ARBITRI: Gnani, Bartolini. NOTE – Spettatori 2000, incasso 8400, durata set: 27′, 28′, 34′, 34′; tot: 123′.

 

 

Classifica

Modena Volley 27, Cucine Lube Banca Marche Treia 25, Energy T.I. Diatec Trentino 21, Sir Safety Perugia 19, Calzedonia Verona 18, Top Volley Latina 15, CMC Ravenna 15, Copra Piacenza 14, Exprivia Neldiritto Molfetta 9, Altotevere Città di Castello-Sansepolcro 6, Tonazzo Padova 5, Revivre Milano 4, Vero Volley Monza 2.

 

1 Incontro in più: Calzedonia Verona, Top Volley Latina, CMC Ravenna

 

Prossimo turno

11a giornata di andata SuperLega UnipolSai

Sabato 20 dicembre 2014, ore 17.30

Revivre Milano – Altotevere Città di Castello-Sansepolcro Diretta RAI Sport 1

Domenica 21 dicembre 2014, ore 17.00

Energy T.I. Diatec Trentino – Modena Volley Diretta RAI Sport 1

Domenica 21 dicembre 2014, ore 18.00

Cucine Lube Banca Marche Treia – Top Volley Latina

Sir Safety Perugia – Vero Volley Monza

CMC Ravenna – Exprivia Neldiritto Molfetta

Tonazzo Padova – Copra Piacenza

 

Turno di riposo: Calzedonia Verona

 

 

Serie A2 UnipolSai

9a andata: Globo Banca Popolare del Frusinate Sora nuova capolista grazie al 3-1 sul campo della Sieco Service Ortona.

 

Risultati 9a giornata di andata Serie A2 UnipolSai

Materdominivolley.it Castellana Grotte – Conad Reggio Emilia 3-2 (25-19, 21-25, 19-25, 25-22, 15-12); Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – B-Chem Potenza Picena 1-3 (24-26, 23-25, 25-20, 19-25); Sieco Service Ortona – Globo Banca Pop. Frusinate Sora 1-3 (21-25, 25-20, 19-25, 17-25); Domar Matera – Centrale McDonald’s Brescia 3-0 (25-19, 25-15, 25-18); Cassa Rurale Cantù – Aurispa Alessano 3-0 (25-20, 27-25, 25-22); Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – Caffè Aiello Corigliano 0-3 (26-28, 17-25, 20-25)

 

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE – CONAD REGGIO EMILIA 3-2 (25-19, 21-25, 19-25, 25-22, 15-12) – MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Morelli 31, Primavera (L), Nero (L), Bevilacqua 11, Castellano 9, Primavera, Pedron 2, Spadavecchia 11, Giosa 8. Non entrati Marzo, Latorre, Sorrenti, De Serio. All. Fanizza. CONAD REGGIO EMILIA: Catellani (L), Di Franco 1, Bertoli 21, Guemart 1, Tiozzo 12, Tondo 19, Bucaioni 3, Kody 2, Benaglia 5, Giglioli 11. Non entrati Della Corte, Allesch, Morgese. All. Cantagalli. ARBITRI: Guarneri, Gasparro. NOTE – durata set: 24′, 26′, 24′, 28′, 17′; tot: 119′.

 

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – B-CHEM POTENZA PICENA 1-3 (24-26, 23-25, 25-20, 19-25) – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Medic, Sintini 2, Cesarini (L), Korniienko 10, Marchiani, Korzenevics, Forni 4, Vedovotto 16, Zanuto 5, Gavotto 27, Presta 9. Non entrati Sardanelli, Feroleto. All. De Giorgi. B-CHEM POTENZA PICENA: Polo 8, Bonami (L), Partenio 4, Miscio, Calistri, Moretti 27, Tartaglione 15, Diamantini 14, Casoli 10. Non entrati Alikaj, Gemmi, Quarta. All. Graziosi. ARBITRI: Prati, Del Vecchio. NOTE – Spettatori 1200, incasso 1600, durata set: 31′, 32′, 29′, 28′; tot: 120′.

 

SIECO SERVICE ORTONA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 1-3 (21-25, 25-20, 19-25, 17-25) – SIECO SERVICE ORTONA: Simoni 10, Guidone 5, Matricardi, De Paola 9, Michalovic 16, Cortina (L), Di Meo, Lanci 1, Cisolla 7, Moretti, Maiorana, Orsini. Non entrati Toscani. All. Lanci. GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Fiore 19, Gaudieri (L), Santucci (L), Bacca, Sperandio 5, Paris 11, Fabroni 4, Salgado 8, Hirsch 16, Cittadino. Non entrati Corsetti, Marzola, Cacciatore. All. Soli. ARBITRI: Turtù, Cappelletti. NOTE – durata set: 25′, 26′, 24′, 24′; tot: 99′.

 

DOMAR MATERA – CENTRALE MCDONALD’S BRESCIA 3-0 (25-19, 25-15, 25-18) – DOMAR MATERA: Pinelli 3, Calitri (L), Cernic 9, Joventino Venceslau 8, Zamagni 8, Bortolozzo 8, Villena 13, Suglia (L). Non entrati Sesto, Lapacciana, Lo Bianco, Da Silva Fazanha, Monteleone. All. Mastrangelo. CENTRALE MCDONALD’S BRESCIA: Signorelli 3, Fondrieschi, Rodella 6, Maestrelli 1, Crosatti, Bellini 6, Quartarone 1, Paoletti 13, Agnellini 3, Peli (L). All. Zambonardi. ARBITRI: Allegrini, Oranelli. NOTE – durata set: 23′, 21′, 24′; tot: 68′.

 

CASSA RURALE CANTU’ – AURISPA ALESSANO 3-0 (25-20, 27-25, 25-22) – CASSA RURALE CANTU’: Bargi, Monguzzi 3, Butti (L), Groppi, Mercorio 16, Tamburo 16, Gerosa 1, Ippolito 15, Robbiati 7. Non entrati Rudi, Santangelo, Carminati, Gatti. All. Della Rosa. AURISPA ALESSANO: Muccio 1, Schwagler 1, Parisi, Musardo 5, Bolla 5, Torsello 11, Nicolazzo, De Giovanni 1, Grassano 9, Mazza 14, Ancora (L). Non entrati Bisanti. All. Medico. ARBITRI: Giardini, Pozzi. NOTE – durata set: 30′, 32′, 28′; tot: 90′.

 

MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA – CAFFE’ AIELLO CORIGLIANO 0-3 (26-28, 17-25, 20-25) – MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA: Buzzelli 8, Marchisio (L), Festi 5, Leoni, Vitangeli 1, Ottaviani 7, Rossi, Di Felice 1, Shavrak 9, Silva, Alborghetti 5, Krumins 3. All. Tofoli. CAFFE’ AIELLO CORIGLIANO: Hrazdira 9, Calonico, Izzo 5, Taliani (L), Tomasello 5, Banderò 21, Mariano 9, Walker 4, Lavia, Menicali 3. Non entrati Casciaro, Colarusso. All. Ricci. ARBITRI: Rolla, Saltalippi. NOTE – durata set: 34′, 27′, 32′; tot: 93′.

 

Classifica

Globo Banca Pop. Frusinate Sora 20, Sieco Service Ortona 19, Caffè Aiello Corigliano 18, B-Chem Potenza Picena 17, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 16, Domar Matera 15, Cassa Rurale Cantù 14, Materdominivolley.it Castellana Grotte 12, Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania 11, Conad Reggio Emilia 8, Centrale McDonald’s Brescia 8, Aurispa Alessano 4.

 

Prossimo turno

10a giornata di andata Serie A2 UnipolSai

Domenica 21 dicembre 2014, ore 18.00

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Cassa Rurale Cantù

Aurispa Alessano – Caffè Aiello Corigliano

Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – Sieco Service Ortona

Centrale McDonald’s Brescia – Globo Banca Pop. Frusinate Sora Differita RAI Sport 1 (martedì 23/12 ore 20.45)

Materdominivolley.it Castellana Grotte – Domar Matera

Conad Reggio Emilia – B-Chem Potenza Picena

 

Tags