PIABER-992(Articolo a cura di Cristina Gatti) Il giorno della finalissima è arrivato. Bergamo e Piacenza si contenderanno la Coppa Italia di serie A1 femminile.
La Foppapedretti schiera Lo Bianco-Barun, Aelbrecht-Durisic, Gennari-Plak, Cardullo (L); la Nordmeccanica risponde con Ognjenovic-Sorokaite, Belien-Melandri, Marcon-Meijners, Leonardi (L).
Primo set combattuto, le due squadre non si risparmiano, ma è Bergamo a portarsi avanti dopo metà frazione (21-17); le avversarie accorciano, ma
le orobiche gestiscono il vantaggio chiudendo per 25-21.

Un gioco corale fin dai primi scambi per le rossoblu (5 punti Plak, 3 Gennari, 4 muri di Freya, 4 Barun, 2 Durisic), mentre per le emiliane in prima linea Mejiners (5) e Melandri (4).

Seconda frazione da cardiopalma, le due squadre giocano con una intensità di gioco altissima, con Bergamo che ha sempre avanti la testa, ma nel finale rientra Piacenza: colpo su colpo fino ai vantaggi, dove la Foppa è più cinica e chiude 27-25. Bergamo ha tre terminali in attacco
efficaci (Play 8 punti, Gennari 5 con 80%, Barun 5) e si fa sentire a muro (5 contro 2).

Terzo set di marca tutta rossoblù, partenza a tutto motore per la Foppa (8-1), che , seppur con il ritorno di Piacenza, andranno a chiudere il
set per 25-17.


Piacenza non riesce a imporre il suo gioco, solitamente equilibrato ed continuo, subendo il potenziale offensivo di Bergamo e fatica ad trovare
le contromisure per rientrare in gara, se non nel secondo set, senza trovare però la giusta combinazione.
L’orgoglio Foppa è anche questo, il carattere, quando, forse, non te lo aspetti. Play mvl, ma chi ha vinto, è tutta la squadra, lo staff, la società ed i tifosi.

Tags