logocev( Fonte LVF) E’ di una vittoria netta e di una sconfitta al tie break il bilancio della prima serata ‘italiana’ della CEV DenizBank Champions League 2014-15 femminile. La Unendo Yamamay Busto Arsizio rispetta i pronostici della vigilia e nel match di esordio della Pool C si impone 3-0 sulle finlandesi dell’LP Salo, mentre la Nordmeccanica Rebecchi Piacenza, compresa nel gruppo E, cade 2-3 sul campo dell’RC Cannes dopo essersi trovata per due volte in vantaggio di un set.

La terza avventura della Unendo Yamamay nella più importante rassegna continentale parte con un successo limpido sull’LP Salo, club finlandese all’esordio in Champions League. Le farfalle di Carlo Parisi vincono 3-0 (25-19, 25-20, 25-12) offrendo l’impressione di poter gestire i rari passaggi a vuoto di un match in pieno controllo. Con Alice Degradi impiegata per tutto il match al posto di Helena Havelkova, tenuta precauzionalmente a riposo, le bustocche si dannano l’anima soprattutto in ricezione e a parte qualche imprecisione di troppo (8 punti diretti concessi alle avversarie) mantengono il comando delle operazioni.

La fase centrale del secondo set è l’unica in cui veramente il match procede in equilibrio. Le finlandesi forzano al servizio e su un’imprecisione di Marcon effettuano il sorpasso sul 14-13. Parisi si fa sentire immediatamente durante il time out e le sue giocatrici, nonostante il tentativo delle avversarie di tenersi aggrappate al parziale – anche un punto del libero Koskelo su bordata di Diouf – rispondono presente. Muro di Michel per il 22-18, quindi in sequenza attacco di Diouf, ace di Marcon e punto decisivo di Degradi. Il terzo set è una passerella: l’opposta azzurra è la top scorer dell’incontro con 18 punti e il 54% offensivo. Bene in prima linea anche Marcon e Degradi (14 e 12 rispettivamente), mentre Lyubushkina dà ulteriore dimostrazione di affidabilità in prima siglando 11 punti con l’89% di positività.

Il sorprendente stop della Dinamo Mosca sul campo delle tedesche del Dresdner (2-3) conduce la Unendo Yamamay già in vetta al proprio raggruppamento. Un ottimo punto di partenza per gli impegni futuri. “Con qualche apprensione di troppo abbiamo rotto il ghiaccio, soprattutto con questi palloni e con queste squadre che sono abituate a giocarci tutto l’anno e soprattutto sono aggressive in battuta, noi non possiamo avere questa continuità – analizza coach Parisi -. Questa sera ho potuto lasciare a riposo Havelkova in via precauzionale, pensavo di poter gestire questa partita e in effetto così è stato, a parte qualche frangente in cui abbiamo avuto cali di tensione. Adesso possiamo concentrarci su Novara, sarà una bella partita, io preferisco affrontare avversarie più complicate che altre abbordabili, in questo modo abbiamo meno problemi di approccio e possiamo giocare liberamente”.

Si arrende invece al tie break la Nordmeccanica Rebecchi Piacenza. Dopo più di due ore di battaglia è il Cannes a fare festa di fronte al proprio pubblico. Le biancoblù di Alessandro Chiappini non riescono a sfruttare il vantaggio di 1-0 e 2-1 e consentono alle francesi di accendersi fino al fiammante tie break in cui l’ex Busto Juliann Faucette diviene assoluta protagonista. L’andamento del primo parziale, vinto 25-16 sul primo tempo di Borgogno, pareva anticipare un’altra vittoria per le emiliane dopo le tre consecutive tra Supercoppa e Campionato: e invece progressivamente il muro ha inciso meno e soprattutto le padrone di casa hanno raddrizzato la mira in attacco e difeso con estrema attenzione.

Dal secondo set si mette in moto Faucette, che firma il 12-10. Sul turno di servizio della giapponese Ebata le francesi tentano di scappare (15-12). Sempre dietro di due lunghezze, Di Iulio spara nei tre metri per il 19-20 e poi indovina il pallonetto morbido del 20-21. Ma è l’ultimo lampo piacentino, perché Faucette e un paio di imprecisioni biancoblù portano il risultato in parità. Il terzo è un nuovo assolo piacentino, in cui brillano Van Hecke e Di Iulio e la presenza sotto rete di Wilson: 1-5, 4-9, 9-16 e 15-25. Ma nel quarto nuovo saliscendi, con Faucette a guidare la riscossa.

La Nordmeccanica Rebecchi è costretta a inseguire, fino a quando un punto lunghissimo portato a casa – muro di Van Hecke che piove sulla riga di fondo – sembra capovolgere l’inerzia. Da 16-19 a 20-19 con due perle di Sorokaite. Due leggerezze di Borgogno, invece, e un tocco a muro non ravvisato dall’arbitro sulla fiondata di Van Hecke rispediscono Cannes sul 22-20. E’ l’allungo decisivo, le padrone di casa conservano il break fino al 25-23. Il quinto si gioca punto a punto: Dirickx prova di prima intenzione ma mette out (4-5), risolve Wilson per il 6-6. Borgogno va appena lunga con la fast e 6-8 al cambio di campo. Muro di Onyejekwe e il Palais des Victoires esplode, ancor più forte sul siluro di Faucette (10-6). Sorokaite attacca e mura per il -2. Alla solita Faucette replica Van Hecke ed è -1 (10-11). Ancora l’americana ex Busto infiamma il pubblico con due colpi splendidi per il 13-10. Bursac trova il mani fuori del 14-11. Sempre Faucette – 30 punti alla fine – in pipe pone la parola fine al match.

Fra due settimane la 2^ giornata delle Pool eliminatorie. Sia Piacenza che Busto Arsizio scenderanno in campo mercoledì 26 novembre: per le biancoblù avversario a dir poco ostico, il VakifBank di Giovanni Guidetti (vincitore del trofeo nel 2013 e finalista nel 2014), mentre le biancorosse saranno impegnate in Russia contro la Dinamo Mosca.

CEV DenizBank Champions League: i tabellini
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – LP SALO 3-0 (25-19, 25-20, 25-12)
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Lyubushkina 11, Degradi 12, Michel 5, Leonardi (L), Marcon 14, Diouf 18, Wolosz 2. Non entrati Rania, Perry, Camera, Havelkova, Pisani. All. Parisi.
LP SALO: Koskelo (L), Lymareva 11, Kosonen 3, Jokinen 6, Kinnunen 1, PihlajamÄki 5, Ennok 3, Rakic 8, Polishchuk 2. Non entrati HÄmÄlÄinen, Murto, Hyttinen. All. Raatikainen.
ARBITRI: Michlic – Evgeniou.
NOTE – durata set: 26′, 30′, 22′; tot: 78′. Unendo Yamamay BUSTO ARSIZIO: Battute errate 2, Ace 10. LP SALO: Battute errate 1, Ace 6.

RC CANNES – NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA 3-2 (16-25, 25-21, 15-25, 25-23, 15-12)
RC CANNES: Faucette 30, Apitz 1, Ortschitt (L), Bursac 5, Van De Vyver 2, Wopat, Lazic 5, Ravva 7, Ebata 5, Tom 1, Onyejekwe 11. Non entrati Idjilov. All. Fang.
NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA: Sorokaite 16, Valeriano, Dirickx 5, Van Hecke 27, Carocci (L), Di Iulio 20, Borgogno 5, Wilson 13, Caracuta. Non entrati Brussa, Poggi, Angeloni. All. Chiappini.
ARBITRI: Loderus – Fischer.
NOTE – durata set: 27′, 29′, 23′, 33′, 17′; tot: 129′. RC CANNES: Battute errate 10, Ace 3. Nordmeccanica Rebecchi PIACENZA: Battute errate 11, Ace 2.

CEV DenizBank Champions League: i risultati della prima giornata
Pool A
Dinamo Kazan (RUS) – Agel Prostejov (CZE) 13/11
Chemik Police (POL) – Rabita Baku (AZE) 3-0 (25-22, 25-19, 25-18)
Classifica:
Chemik Police 3, Dinamo Kazan, Agel Prostejov e Rabita Baku 0.

Pool B
Azeryol Baku (AZE) – Nantes VB (FRA) 3-2 (25-17, 18-25, 18-25, 25-16, 20-18)
Stiinta Bacau (ROU) – Fenerbahce Istanbul (TUR) 13/11
Classifica:
Azeryol Baku 2, Nantes VB 1, Stiinta Bacau e Fenerbahce Istanbul 0.

Pool C
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – LP Salo (FIN) 3-0 (25-19, 25-20, 25-12)
Dresdner SC (GER) – Dinamo Mosca (RUS) 3-2 (22-25, 23-25, 25-19, 25-20, 18-16)
Classifica:
UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 3, Dresdner SC 2, Dinamo Mosca 1, LP Salo 0.

Pool D
Volero Zurich (SUI) – Impel Wroclaw (POL) 13/11
Eczacibasi VitrA Istanbul (TUR) – Omichka Omsk Region (RUS) 3-0 (25-18, 25-18, 25-23)
Classifica:
Eczacibasi VitrA Istanbul 3, Volero Zurich, Impel Wroclaw e Omichka Omsk Region 0.

Pool E
Vakifbank Istanbul (TUR) – Partizan Vizura Beograd (SER) 13/11
RC Cannes (FRA) – NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA 3-2 (16-25, 25-21, 15-25, 25-23, 15-12)
Classifica:
RC Cannes 2, NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA 1, Vakifbank Istanbul e Partizan Vizura Beograd 0.

CEV DenizBank Champions League: il prossimo turno delle italiane
Dinamo Mosca (RUS) – UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO mercoledì 26 novembre, ore 17.00
NORDMECCANICA REBECCHI PIACENZA – VakifBank Istanbul (TUR) mercoledì 26 novembre, ore 20.30

CEV DenizBank Champions League: la formula
Le 20 partecipanti sono divise in 5 Pool da quattro squadre, che si affrontano in girone all’italiana con incontri di andata e ritorno. Ogni vittoria per 3-0 o 3-1 assegna 3 punti alla squadra vincente e 0 alla squadra perdente, il 3-2 assegna 2 punti alla squadra vincente e 1 alla squadra perdente.

Le prime due di ogni Pool più le due migliori terze – per un totale di 12 squadre – si qualificano ai Play Off 12, primo turno della fase a eliminazione diretta. Tra le 12 qualificate viene designata la società organizzatrice della Final Four, che vi accede automaticamente. Il posto così liberato viene occupato dalla successiva migliore 3^. Le restanti due terze e le migliori due quarte dei gironi ‘retrocedono’ in Cev Cup, partendo dal Challenge Round (i quarti di finale).

I Play Off 12 si disputano su incontri di andata e ritorno ed eventuale Golden Set nel caso in cui le due squadre abbiano conseguito lo stesso numero di punti tra andata e ritorno – considerando che il 3-0 e il 3-1 assegnano 3 punti alla squadra vincente e 0 alla squadra perdente, il 3-2 assegna 2 punti alla squadra vincente e 1 alla squadra perdente.

Le sei vincenti accedono ai Play Off 6, che si disputano secondo la stessa formula dei Play Off 12. Le tre vincenti – a cui si aggiunge il club ospitante – staccano il pass per la Final Four.

CEV DenizBank Champions League: le date
Fase a gironi:
1^ giornata 11-13 novembre
2^ giornata 25-27 novembre
3^ giornata 9-11 dicembre
4^ giornata 13-15 gennaio
5^ giornata 20-22 gennaio
6^ giornata 28 gennaio

Play Off 12:
Andata 10-12 febbraio
Ritorno 17-19 febbraio

Play Off 6:
Andata 3-5 marzo
Ritorno 10-12 marzo

Final Four
4-5 aprile 2015

CEV Volleyball Cup: Novara resiste un set e mezzo, poi cede al Krasnodar nell’andata dei 16esimi

Si spande per un set e mezzo il profumo dell’impresa al Pala Terdoppio di Novara. L’Igor Gorgonzola, di ritorno alle competizioni europee dopo più di 10 anni, affronta con ardore la corazzata Dinamo Krasnodar, cedendo 1-3 nell’andata dei sedicesimi di finale della CEV Cup dopo un inizio più che incoraggiante. Un risultato che complica non poco il passaggio del turno delle piemontesi, che ora dovranno vincere per 3-0 o 3-1 in Russia per accedere al Golden Set decisivo.

Le azzurre di Luciano Pedullà, con Kim al palleggio preferita a Signorile, gestiscono il match in apertura con piglio e sicurezza, scavando un primo solco fino al 16-10 e poi rintuzzando la rimonta delle russe di Ushakov (16-18) fino al 25-20. Anche nel secondo set la Igor resta davanti fino al secondo time out tecnico sul 16-14. Poi, come un interruttore che si sposta da ‘off’ a ‘on’, Fabiola, palleggiatrice brasiliana, comincia a orchestrare il gioco con più fluidità, affidandosi alla classe di Tatiana Kosheleva – 25 punti alla fine con 5 ace e 3 muri – e della connazionale Fé Garay – 18 con il 46%. Le percentuali in ricezione di Novara peggiorano, così anche l’efficacia in attacco, con la sola Barun a passare senza soste.

Le russe prendono più rischi al servizio e effettuano il sorpasso in volata, traendo dalla rimonta una maggiore autorevolezza in tutti i fondamentali. Nel terzo set mantengono un margine sufficiente a sfiancare la rincorsa delle azzurre, nel quarto, con le due centrali Dianskaya e Podskalnaya salite di rendimento, dilagano fino al 25-15.

Martedì 25 novembre in Russia la gara di ritorno. Comunque vada, non si esaurirà il percorso europeo dell’Igor Gorgonzola Novara. Il regolamento prevede infatti che le perdenti dei 16esimi di finale ‘retrocedano’ in Challenge Cup.

CEV Volleyball Cup: il tabellino
IGOR GORGONZOLA NOVARA – DINAMO KRASNODAR 1-3 (25-20, 20-25, 19-25, 15-25)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Partenio 1, Klineman 16, Kim 3, Guiggi 6, Chirichella 2, Sansonna (L), Alberti, Hill 12, Barun 22, Zanette 2. Non entrati Bonifacio, Signorile. All. Pedulla.
DINAMO KRASNODAR: Almeida De Sousa Alves 2, Shashkova 2, Kryuchkova (L), Krivets, Kosheleva 25, Filishtinskaya, Pasynkova 5, Garay Rodrigues 18, Dianskaya 10, Podskalnaya 11. Non entrati Goncharova, Bibina. All. Ushakov.
ARBITRI: Romero MartÍnez – Moula.
NOTE – durata set: 27′, 27′, 26′, 23′; tot: 103′. Igor Gorgonzola NOVARA: Battute errate 12, Ace 8. Dinamo KRASNODAR: Battute errate 5, Ace 7.

CEV Volleyball Cup: il tabellone dei 16esimi di finale
Galatasaray Istanbul (TUR) – Rocheville Le Cannet (FRA) 3-0 (25-21, 25-20, 25-21)
Olympiacos Piraeus (GRE) – VDK Gent Dames (BEL) 0-3 (18-25, 19-25, 25-27)

Dinamo Romprest Bucarest (ROU) – Tauron MKS Dabrowa Gornicza (POL) 1-3 (19-25, 17-25, 25-22, 22-25)
Volley Koniz (SUI) – CS Volei Alba Blaj (ROU) 3-2 (22-25, 15-25, 25-21, 25-23, 15-12)

Haifa VC (ISR) – Beziers VB (FRA) 13/11
Kralovo Pole Brno (CZE) – Asko Linz-Steg (AUT) 3-1 (18-25, 25-15, 25-20, 25-19)

Orbita ZTMC-ZNU Zaporozhye (UKR) – Dauphines Charleroi (BEL) 24/11
Naturhouse Ciudad de LOGROÑO (ESP) – Igtisadchi Baku (AZE)*

Khimik Yuzhny (UKR) – PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO 1-3 (22-25, 25-21, 20-25, 21-25)
Nova KBM Branik Maribor (SLO) – Sagres Neuchatel UC (SUI) 3-2 (25-19, 24-26, 26-24, 23-25, 15-10)

SK UP Olomouc (CZE) – Gea Happel Amigos Zoersel (BEL) 3-2 (25-21, 17-25, 25-16, 12-25, 15-6)
PGE Atom Trefl Sopot (POL) – Severodonchonka Severodonec*

Rote Raben Vilsbiburg (GER) – Lokomotiv Baku (AZE) 0-3 (17-25, 24-26, 22-25)
Calcit Kamnik (SLO) – Stella Rossa Belgrado (SRB) 0-3 (16-25, 14-25, 16-25)

ATSC Sparkasse Klagenfurt (AUT) – HPK Hameenlinna (FIN) 0-3 (10-25, 14-25, 17-25)
IGOR GORGONZOLA NOVARA – Dinamo Krasnodar (RUS) 1-3 (25-20, 20-25, 19-25, 15-25)

* ritirate

CEV Volleyball Cup: la formula
Le 32 squadre partecipanti si affrontano in un torneo a eliminazione diretta. Sono individuate e inserite in tabellone le 16 teste di serie, in funzione della posizione nel ranking europeo delle Federazioni di appartenenza.

Dai sedicesimi ai quarti di finale incontri di andata e ritorno, con Golden Set da disputarsi sul campo della gara di ritorno nel caso in cui le squadre abbiano totalizzato lo stesso numero di punti nel doppio confronto (il 3-0 e il 3-1 assegnano 3 punti a chi vince e 0 a chi perde, il 3-2 assegna 2 punti a chi vince e 1 a chi perde). Le perdenti dei 16esimi di finale ‘retrocederanno’ ai 16esimi di finale della Challenge Cup.

Le quattro vincitrici dei quarti di finale della CEV Volleyball Cup disputeranno il Challenge Round, affrontando – sempre in incontri di andata e ritorno con eventuale Golden Set – le 4 squadre in arrivo dalla Champions League (ovvero la 4^ e la 5^ migliori terze e le prime due migliori quarte dei cinque gironi eliminatori).

Le vincenti si sfideranno in semifinale, da cui usciranno le finaliste che si contenderanno il trofeo sfidandosi in incontri di andata e ritorno con eventuale set di spareggio.

CEV Volleyball Cup: le date
Sedicesimi di finale: andata 11-13 novembre, ritorno 25-27 novembre
Ottavi di finale: andata 9-11 dicembre, ritorno 16-18 dicembre
Quarti di finale: andata 13-15 gennaio, ritorno 20-22 gennaio
Challenge Round: andata 3-5 marzo, ritorno 10-12 marzo
Semifinali: 24 e 28 marzo
Finale: 7 e 11 aprile

Tags