Ha lasciato il Belpaese la scorsa estate, ora gioca in Turchia nel Eczacibasi. Vincitrice con Lorenzo Micelli a Bergamo di  due Coppe dei Campioni, ha continuato a vincere sempre con Micelli anche ad Istanbul, portando a casa una Coppa di Turchia. Abbiamo chiesto ad Antonella Del Core come se la sta cavando in Turchia e lei ci ha risposto così:

MDV:Ciao Antonella, primo anno in Turchia, dovendo tirare un bilancio della prima stagione, come la valuteresti?
ADC: Direi abbastanza positivo, già al primo anno un trofeo , la coppa turca, peccato per il campionato perché bastava poco per ribaltare il risultato, ma cmq sono abbastanza soddisfatta!

MDV: Abbandonare l’Italia è stata una scelta di vita, sicuramente non facile. Se potessi tornare indietro di un anno, rifaresti questa scelta?
ADC: Le difficoltà incontrate non sono state poche, però adesso posso dire di si…la rifarei.

MDV: Dopo tanti anni in Italia al top, l’esperienza in un campionato estero e comunque sempre in una squadra di vertice: quali sono le differenze più grosse che hai trovato tra il campionato italiano e quello turco?
ADC: Sicuramente la differenza più grande è il poco equilibrio tra le squadre di vertice e quelle da metà classifica in giù e poi la mentalità, alcune cose che per noi scontate per loro sono difficili da comprendere.

MDV: Una napoletana a Istanbul. Anche andare a comprare il pane, non conoscendo la lingua, deve essere una cosa complicata. Come funziona la vita di tutti i giorni? Come te la cavi con la lingua?
ADC: Appena arrivata cercavo di farmi capire in inglese, poi ho capito che dovevo mettermi sotto a studiare la lingua ed oggi riesco a farmi capire e a capire quel tanto che basta per campare…non potevo andare avanti a gesti.

MDV: In Turchia il volley femminile attira molte più persone nei palazzetti rispetto all’Italia. Secondo te come mai in un campionato non di vertice ci sono più spettatori che in quello considerato il più bello del mondo?
ADC : Perché in Italia si parla sempre e solo di calcio, formula 1 e GP qui lo spazio dato a questo sport è molto più ampio, credo che il seguito sia dato da questo.

MDV: Legandomi alla domanda precedente, com’è il rapporto con i tifosi fuori dal campo di gioco? Sono “presenti” come nel calcio in Italia o riesci tranquillamente a girare per Istanbul senza essere continuamente fermata?
ADC:Sapete, Istanbul è una città di 18 milioni di abitanti quindi vado tranquillamente in giro anche se a volte mi è capitato di essere fermata!

MDV: A Istanbul hai ritrovato Micelli. Anche qui un allenatore italiano. In una squadra, tra l’altro, piena di straniere. Come fa il Mister a farsi capire? In che lingua parla?
In inglese, qui tutti lo parano, chi più chi meno, quindi ci si capisce bene!

MDV: Il lavoro in Turchia, gli affetti in Italia. Come riesci a mantenere i rapporti con i tuoi cari? Ogni quanto riesci a vederli?
ADC: Innanzitutto con Skype, poi appena possono vengono a trovarmi, ma per me anche in Italia la distanza da casa è sempre stata un problema, solo che adesso invece di prendere un aereo ne prendo due!

MDV: Il tuo fidanzato è rimasto a Bergamo. Come ha reagito quando gli hai accennato l’idea di andare a giocare a Istanbul?
ADC: Semplicemente contento, certo la mancanza è tantissima, ma riusciamo a ritagliarci i nostri spazi.

MDV: Siete in piena fase play off, considerate le condizioni psico-fisiche vostre e delle avversarie chi vedi favorita perla vittoria finale?
ADC: Come ben sapete ieri purtroppo siamo state eliminate, quindi tra Gunes e Fenerbahce ci sarà la vincitrice.

MDV: Ti riproponiamo la stessa domanda di prima girata sul campionato italiano: quali squadre vedi favorite per la finale e chi per lo scudetto?
ADC: Sinceramente non ho seguito moltissimo, non ho una squadra del cuore, ma spero che qualche mia amica possa togliersi qualche soddisfazione!

MDV: Progetti futuri? Rimarrai in Turchia o hai già qualche altra meta?
ADC: Questo non lo so ancora, ma ve lo farò sapere presto.

MDV: Dal club alla Nazionale: quest’anno ci saranno gli Europei in Italia e Serbia, una bella opportunità per riconfermarsi campionesse davanti ad un pubblico amico. Quali sono le tue sensazioni in merito a questa competizione?

ADC: La voglia di riscattarsi e di riconfermarsi è tanta…ho solo bisogno di staccare un attimo con la testa per ricaricarmi…le sensazioni le avrò una volta tutte insieme!

MDV: Visto l’equilibrio del campionato italiano di quest’anno e la possibilità per tante giovani di mettersi in mostra, pensi che ci saranno nuove convocazioni da parte del tecnico Barbolini o proseguirà col gruppo storico? Antonella ha notato qualche nuovo talento?
ADC: Come ho detto prima non ho seguito molto il campionato…quindi non so!

MDV: L’erede di Antonella Del Core è?
ADC: Mi date già per spacciata?:)…non so, lascio scegliere a qualcun altro.

MDV: Il vostro campionato finisce prima del nostro, i tifosi italiani avranno il piacere di vederti in giro per i palazzetti durante i play off?
ADC: Non saprei, manco tanto da casa, ho così tante cose arretrate da fare che trovare il tempo sarà difficile…mah!…vedremo!

MDV: Un saluto per i lettori di Momenti di Volley e per i tifosi italiani….
ADC:
L’Italia mi è mancata tanto…così come tutti voi lettori e tifosi…un abbraccio circolare da me…Anto 15#.

(Intervista a cura di E. Monticelli e M. Fittipaldi. Foto gentilmente offerte da Antonella Del Core)

 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment

 

You must be logged in to post a comment.