(foto Elena Monticelli)

Cristina Barcellini, classe ’86, si sta imponendo nel panorama pallavolistico a forza di ottime prestazioni. Dall’anno scorso gravita nel giro della nazionale in pianta stabile. Noi di Momenti di Volley le abbiamo fatto alcune domande.

 

MDV: Ciao Cristina. Secondo anno in nazionale, come stai vivendo la maglia azzurra?
CB: Si secondo anno in nazionale…sono contentissima di indossare questa maglia e mi fa molto onore… ne sono davvero fiera…e cerco di dare il massimo e fare tutto il possibile al meglio. 

CB: Diciamo che sono cresciuta molto in vari fondamentali, ma ne ho ancora di strada da fare. Devo migliorare ancora in tutto e specialmente in alcuni fondamentali tipo ricezione e difesa… mi piace molto allenarmi e lavorare.
 

MDV: Come valuti la tua crescita pallavolistica degli ultimi anni?


MDV: Il prossimo, per Novara, sarà un campionato dichiaratamente ridimensionato per quanto riguarda le aspettative. Come valuti il mercato fatto finora dalla società?
CB: La società, dopo gli ultimi trascorsi, ha fatto scelte diverse che se devo essere sincera non mi dispiacciono… quest’anno si lavorerà sodo, che ripeto mi piace molto, e credo ci si divertirà tanto… diamo tempo a questa squadra e vedremo presto i risultati.

 

MDV: La pallavolo in Italia sembra essere in grossa difficoltà a livello economico, ma in Europa si vince tutto sia a livello di club che di nazionale. A cosa è dovuta secondo te questa grossa contraddizione?

CB: Secondo me il livello delle giocatrici italiane è ottimo, anche grazie al fatto che l’Italia ha uno dei campionati più forti…ora la crisi economica c’è per forza visti i tempi che corrono, accentuata dal fatto che ci sono altri paesi che hanno molti più soldi da utilizzare per i campionati pallavolistici.

MDV: Se ti dicessero “scegli una giocatrice che noi la ingaggiamo”, chi sceglieresti?
..
CB: Io sceglierei il mio vecchio capitano Naty Osmokrovic…

MDV: Visto il mercato sviluppato sinora, chi vedi favorito ai nastri di partenza, per la prossima stagione?

CB: Non ho seguito in modo particolare il volley mercato…ma secondo me ora sono messe bene Bergamo Pesaro e Villacortese e anche la neo promossa Carpi


MDV: Arrivare in alto è più facile che restarci. Quali sono i segreti di Cristina Barcellini per mantenersi ai massimi livelli del volley nazionale?

CB: I miei segreti??? Guarda, non credo di averne, tutto quello che faccio è lavorare al meglio in palestra e dare il massimo poi…si vedrà!!!


MDV: Fare l’atleta ad alto livello è sempre un sacrificio. Quale consideri il sacrificio più grande tra tutti quelli che hai fatto finora?

CB: Bisogna fare alcuni sacrifici è vero, ma poi ci sono dei momenti che ti ripagano di tutto. Il più grande? Dover abbandonare per qualche giorno gli affetti.


MDV: Dove ti vedi tra dieci anni?
CB: Tra dieci anni…mi vedo ancora giocatrice di pallavolo…magari laureata, ma senza grandi cambiamenti.


MDV: Il volley non è come il calcio, che da grandi sbocchi anche una volta terminata l’attività. Come vive questa situazione una pallavolista?

CB: Io penso a ora…poi credo che ognuno possa trovare le proprie opportunità…e se riesco vorrei laurearmi appunto per il futuro.

MDV: Un saluto per i lettori di Momenti di volley….

CB: Un grande saluto a tutte le persone che leggono questo sito…seguiteci sempre numerosi…e arrivederci a presto!!!!!

 

0 Comments

You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment

 

You must be logged in to post a comment.