ortolaniSarà Davide Mazzanti, il coach Campione d’Italia, il nuovo allenatore dell’Imoco Volley Conegliano 2015/16.

Nato a Fano il 15 ottobre 1976, Mazzanti dopo gli anni di apprendistato da viceallenatore tra Falconara, Santeramo, Ravenna, Bergamo (dove da assistente conquista la Champions League) e Club Italia, nel 2010 diventa allenatore capo a Bergamo e all’esordio vince subito lo scudetto con la squadra orobica. Nel 2012/13 è a Piacenza, poi con le ragazze della Nazionale Juniores, quindi la grande cavalcata di questa stagione appena conclusa con la Pomì Casalmaggiore che dopo una super regular season conclusa al secondo posto, riesce a fare ancora meglio nei play off con il capolavoro dello scudetto conquistato in gara5 fuori casa a Novara.

Una grande gioia questo secondo scudetto per coach Mazzanti, condivisa in famiglia vista la presenza in campo della moglie Serena Ortolani, opposto della Pomì Casalmaggiore. Insieme hanno una figlia di due anni, Gaia, la loro primissima tifosa.

Carriera in nazionale

2005-2009           Nazionale Italiana (allenatore in seconda)

Dal Marzo 2013  Nazionale Italiana juniores femminile

Carriera da allenatore di club

2002-2004           Pallavolo Corridonia     A2-F

2004-2005           Star Falconara              B2-F

2005-2006           Santeramo Sport (allenatore in seconda)  A1-F

2006-2007           Teodora Ravenna                   B1-F

2007-2009           Volley Bergamo (allenatore in seconda)    A1-F

2009-2010           Club Italia

2010-2012           Volley Bergamo            A1-F

2012-2013           River Piacenza              A1-F

Palmares

2015                    Campionato Italiano

2010-11               Campionato italiano e Supercoppa

2007-2008           Coppa Italia

2008-2009           Champions League

2010                     Bronzo Coppa del Mondo per Club

SERENA ORTOLANI, NUOVO OPPOSTO PER LE PANTERE

All’Imoco Volley arriva un’altra grandissima protagoniista dei play off, la campionessa d’Italia Serena Ortolani, schiacciatrice/opposto 28enne (è nata il 7 gennaio 1987 a Ravenna), alta 187 cm., giocatrice nel pieno della maturità agonistica che ha vinto pochi giorni fa il suo terzo scudetto con la Pomì Casalmaggiore dopo i due conquistati a Bergamo nel 2006 e nel 2011. Nel suo ricchissimo palmares anche ben tre Champions League (2005, 2009, 2010), una Coppa Italia (2006) e una Supercoppa (2005) sempre a Bergamo. Nel 2009 è stata MVP della Champions League femminile.

Con la Nazionale vanta 222 presenze (esordio nel 2004) con due ori europei (2007 e 2009), un oro alla Coppa del Mondo 2007, un oro alla Grand Champions Cup 2009, un argento e tre bronzi nel World Grand Prix e un argento europeo nel 2005 oltre ad altri trofei minori.

Il suo esordio ad alto livello da giovanissima nel 2001 con la gloriosa Teodora Ravenna, la squadra della sua città, poi Club Italia, Bergamo dal 2004 al 2011 (con una parentesi a Piacenza e Busto nel 2007/8), poi nel 2011/12 è a Pesaro prima dell’anno di inattività per la gravidanza e la nascita della piccola Gaia.

Lo scorso anno il rientro in attività con la Unendo Yamamay Busto Arsizio con cui gioca la finale scudetto, mentre quest’anno, con il marito Davide Mazzanti in panchina, l’exploit tricolore con la rivelazione Pomì Casalmaggiore.

LE DICHIARAZIONI:
Davide Mazzanti, nuovo coach Imoco Volley, commenta così il suo approdo al timone dell’Imoco Volley:

“Parlo al plurale perchè è una decisione che abbiamo preso assieme io e mia moglie Serena. Per noi non è obbligatorio lavorare nella stessa squadra, ma stare vicini sì, abbiamo una figlia piccola e quindi le valutazioni sulla nostra carriera non possono prescindere dalla nostra situazione familiare e di genitori, che consideriamo un valore aggiunto e non un limite. Per questo avere trovato una società come Conegliano che ha sposato sia le nostre ambizioni professionali che i nostri valori di famiglia e di genitori è stato l’ideale per me e per Serena e abbiamo accettato la proposta del club. Siamo contentissimi di questa nuova avventura, Conegliano è una delle migliori piazze attualmente nel panorama italiano, la società è molto seria e molto ambiziosa, si punta a grandi risultati e quindi abbiamo già in partenza un grande entusiasmo”.

Che tipo di squadra hai in mente, partendo da giocatrici di indiscusso livello come Glass al palleggio, De Gennaro libero e Ortolani opposto? “Siamo in perfetta sintonia di idee io e la società sul team da allestire per la prossima stagione. I capisaldi della mia idea di gioco saranno una ricezione di primo livello per avere un cambio palla efficace, e vogliamo avere due attaccanti di riferimento, l’opposto e una schiacciatrice, che saranno le nostre bocche da fuoco. Una cosa importante a cui tengo molto, le gerarchie saranno ben definite fin dall’inizio, non mi piacciono i doppioni e i dualismi che spesso risultano controproducenti, quindi una distinzione chiara tra titolari e cambi pur mantenendo alta la qualità complessiva della squadra”.

Da avversario quest’anno hai incrociato i ferri con l’Imoco Volley al Palaverde sia in regular season che nei play off, che idea ti sei fatto dell’ambiente e del pubblico?
“Guarda, all’inizio di gara2 di play off al Palaverde mi sono girato verso il mio staff e ho detto ‘ma qui che figata è?’… ecco, pensate, se mi piaceva giocare qui da avversario con così tanta gente e così tanto entusiasmo, figuratevi se non sono contento di avere una carica così dalla mia parte. Inoltre sarà un piacere allenare al Palaverde, un palasport storico, di quelli che anni fa guardavo in televisione, per me che sono un po’ un sentimentale dopo aver allenato in palazzi altrettanto storici per la pallavolo come Ravenna e Bergamo, farlo anche al Palaverde sarà una bella emozione.”

Serena Ortolani, nuovo opposto Imoco Volley: “Sono contenta di essere arrivata in una squadra che punta a vincere, quello è sempre stato il mio obiettivo e dopo aver riassaporato il gusto della vittoria quest’anno l’ambizione è quella di continuare. L’Imoco Volley è una società che si è distinta in questi anni per serietà e correttezza nel panorama pallavolistico italiano e questo è stato fondamentale nella scelta che abbiamo fatto. Stiamo ancora festeggiando lo scudetto con Casalmaggiore, ma già non vedo l’ora di iniziare la nuova avventura con Conegliano. Sono contentissima di ritrovare Moki De Gennaro, a Pesaro abbiamo giocato insieme un anno poi al secondo mi sono fermata per la maternità e quindi ci eravamo separate, poi ci sarà spero Jenny Barazza che era mia compagna a Bergamo e che è mamma come me, ma in generale so che la società sta allestendo una rosa molto competitiva. Ripeto, io punto sempre a vincere e con Davide cercheremo di portare qui a Conegliano un po’ dello spirito garibaldino che ci ha dato la spinta per vincere lo scudetto. Il pubblico del Palaverde? E’ fantastico averlo dalla propria parte, mi ricordo che sia lo scorso anno che questo era difficile giocare al Palaverde da avversaria, perchè c’è tantissima gente, ma non solo, è gente che fa il tifo in maniera molto calorosa e sarà un vantaggio importante per noi.”

Tags