Foto Sportnews.bz

Foto Sportnews.bz

Altro volto nuovo in casa Unendo Yamamay per la stagione 2015-2016: dal Volksbank Sudtirol Bolzano arriva a Busto Arsizio Valeria Papa, schiacciatrice-ricevitrice di 183cm di altezza, nata a Genova il 9 settembre 1989. L’atleta ligure, capitana della squadra dell’Alto Adige, ha conquistato quest’anno la Coppa Italia di serie A2 e la promozione in serie A1, mettendo a segno 251 punti in 72 set disputati. La carriera di Valeria è caratterizzata da una costante crescita verso le categorie superiori: dagli inizi a Genova, dove partecipa ai campionati di serie D, C, arrivando fino in B2 dal 2005 al 2009, ai tornei di B1 a Valdimagra, Lucca e Bolzano, società con cui inizia a giocare nel 2012-2013. Con la maglia del Volksbank Sudtirol conquista subito la promozione in A2 e quest’anno, come detto, raggiunge la A1 classificandosi al primo posto del campionato cadetto.

Queste le prime parole di Valeria Papa in biancorosso: Ho sempre sperato di poter arrivare a giocare in serie A1 e da quando il mio procuratore mi ha detto che c’era una possibilità a Busto Arsizio ho iniziato a crederci tantissimo. La UYBA è una società che apprezzo molto, con tifosi meravigliosi e un palazzetto da brividi. Ci ho giocato un’ amichevole due anni fa, ma ora sarà completamente diverso: il pensiero di poterci giocare da farfalla mi esalta già! Credo che Mencarelli, che è uno dei coach che stimo maggiormente, sia l’allenatore giusto per me in questo momento, perché potrà farmi crescere ancora di più sotto tutti i punti di vista. Io mi sento una giocatrice d’attacco, la ricezione mi viene meno naturale ma mi dà ancora più soddisfazioni perché ci ho lavorato tanto nel corso degli anni e sono migliorata molto nel fondamentale. Sarà il primo anno di A1: lo affronterò con curiosità, per vedere a che punto sono nel mio percorso nella pallavolo, sapendo che mi dovrò impegnare al massimo per competere con un livello di gioco sicuramente alto. Ora vi lascio e torno ad allenarmi: trascorrerò quest’estate tra palestra, corsa e qualche partita a beach. Non mi fermo, voglio arrivare prontissima al raduno con la UYBA!“.

 

Ufficio Stampa UYBA – Giorgio Ferrario

Tags