Foto web

Foto web

La batteria di attaccanti della Unendo Yamamay Busto Arsizio 2015/2016 si arricchisce oggi grazie ad un nuovo ed importante innesto: dalla Turchia arriva infatti al Palayamamay la schiacciatrice Godze Yilmaz, 194 cm di altezza, nata il 9 settembre 1991 ed in forza all’Eczacibasi Istanbul. La potente atleta, nonostante la giovane età, è già abituata a palcoscenici importanti: i tifosi delle farfalle se la ricorderanno di certo come una delle giocatrici più determinanti nella recente Final 4 di Champions League a Stettino. Proprio nella finale del massimo trofeo continentale contro la UYBA Godze Yilmaz seppe mettersi in grande evidenza, realizzando 13 punti (top scorer del match) con il 48% offensivo e tre muri. Quello polacco non è stato un exploit isolato: la neo farfalla è stata tra le atlete migliori del Mondiale per Club 2015, contribuendo enormemente all’ennesimo successo stagionale dell’Eczacibasi. Ma non solo: Godze Yilmaz è una delle attaccanti di riferimento della nazionale turca, con la quale ha recentemente giocato e vinto il Montreux Volley Masters 2015 e con la quale èattualmente impegnata a Baku nella prima edizione degli European Games.

Gözde Yilmaz, che sarà la prima giocatrice turca nella storia a vestire la maglia biancorossa, inizia la sua carriera nel 2005 nel TED Ankara Kolejliler Spor Kulübü, squadra con cui esordisce nel campionato turco nel 2006-07; Nella stagione seguente viene ingaggiata dall’Eczacibasi Istanbul, con cui gioca fino all’ultima stagione, fatta eccezione per due annate (2009/2010 all’Yesilyurt SK e 2013/2014 al Sariyer BSK). Con la maglia dell’Eczacibasi vince tanto: due campionati, tre Coppe di Turchia e due Supercoppe nazionali, oltre alle già accennate Champions League e Coppa del Mondo per Club proprio nell’ultima stagione.

Ora Gözde Yilmaz si prepara alla sua prima esperienza estera con la maglia biancorossa: “La Unendo Yamamay è un grande club, come testimoniano i tanti successi nel corso degli ultimi anni. Tutti gli allenatori e le giocatrici con cui ho lavorato mi hanno detto grandi cose su questa società, sui suoi tifosi e sull’ambiente in generale. Da giovane atleta per me l’elemento più importante nella decisione della squadra in cui giocare è l’allenatore: sarà bello lavorare con un coach preparato e bravo come Mencarelli. Pensando alla Unendo Yamamay non posso non ricordare la finale di Champions: è un giorno che ricorderò per tutta la vita, è stata una gara davvero dura perchè giocare contro una squadra italiana è sempre una sfida. Tuttavia non abbiamo mai mollato ed abbiamo conquistato il trofeo. Questo è lo spirito che voglio avere anche nella mia nuova avventura a Busto Arsizio. Ho già giocato in una squadra costruita con giovani giocatrici e mi piace molto l’idea di una UYBA formata da atlete promettenti: penso che le ragazze giovani siano più propense a lavorare sodo e a trovare motivazioni per migliorare; alla fine sono proprio questi gli aspetti che fanno crescere le squadre e le portano al successo. Sarà la mia prima volta all’estero, quindi sono molto entiusiasta per questa nuova esperienza. Penso che i cambiamenti siano positivi per avere nuovi stimoli e considero questo un passo necessario per la mia carriera. Sono già stata in Italia molte volte, è uno dei miei paesi preferiti. Sono davvero felice di poterci vivere stabilmente e di poterlo fare a Busto Arsizio”.

Tags