Foto Italy2014.fivb.org

Foto Italy2014.fivb.org

ITALIA-GIAPPONE 3-0 (25-23 25-20 25-19)
ITALIA:  Lo Bianco 1, Del Core 9, Chirichella 3, Centoni 18, Costagrande 8, Arrighetti 7. De Gennaro (L). Bosetti C., Signorile, Diouf 5, Piccinini 3, Folie 1. All. Bonitta.
GIAPPONE: Kimura 4, Nakamichi, Nagaoka 13, Takada 7, Yamaguchi , Sakoda 5, Sato (L). Ohno, Ishii 1, Miyashita 1, Ebata, Shinnabe 2. All. Manabe.
ARBITRI: Pobornikov (Bul) e Yener (Tur).
Spettatori:  6000. Durata set: 29, 27, 27.
Italia: bs 14, a 6, mv 2, er 6.
Giappone: bs 9, a 1, mv 6, er 11.
Bari. L’Italia si è qualificata per la terza fase del 17mo Campionato del Mondo femminile di pallavolo. Contro il Giappone (uscito sconfitto ed eliminato dal campo) la squadra di Marco Bonitta ha colto la settima vittoria di un torneo sin qui bellissimo, ha conquistato i punti necessari per la qualificazione e l’importante chance di giocarsi la vittoria nella pool domani (ore 20 diretta RaiSport1) contro la Cina, attualmente appaia in classifica a quota 16. Il successo del girone offrirebbe il vantaggio non indifferente di evitare, nel gironcino a tre che qualificherà per le semifinali, la prima dell’altro gruppo.
L’Italia ha guadagnato l’accesso alla terza fase, quella che porterà alle semifinali, al termine del primo set. Tanto bastava alle ragazze di Marco Bonitta per entrare nella fase finale del Mondiale. Un parziale difficile e sofferto, in cui la squadra azzurra ha stentato a trovare il ritmo giusto e la misura al servizio. Il Giappone ha condotto a lungo anche di due o tre lunghezze, sino al 23-22, quando è entrata in scena Valentina Diouf che ha prima messo a terra un “delizioso” invito di Noemi Signorile, poi ha sfoderato due servizi vincenti che hanno chiuso il set 25-23.
Dal secondo set in poi la partita ha cambiato volto e l’Italia è divenuta padrona grazie ad una eccezionale prova in attacco di Nadia Centoni (18 punti con 67%) ben affiancata da Del Core e Costagrande. Ottima come sempre Monica De Gennaro, che in difesa si è letteralmente esaltata.
Oggi è stata una giornata importante per il Mondiale “italiano” che già conosce cinque delle sei protagoniste della fase finale in programma al Forum di Assago da mercoledì 8. Oltre a Cina, Italia e Dominicana che sono sicure di finire ai primi posti della pool E, hanno staccato il biglietto anche Stati Uniti 
e Brasile. L’ultimo nome uscira dalla scontro di domani alle 17 tra Serbia e Russia.

Le dichiarazioni dei protagonisti

BONITTA: “Se devo essere sincero, dice che le ragazze stasera sono state straordinarie è poco. Non tanto per la vittoria, ma soprattutto per come abbiamo dominato un’avversaria di primo livello mondiale qual è la Cina. Nell’ultimo set ho guardato dall’altro lato del campo e ho visto nelle facce delle cinesi molta preoccupazione, probabilmente perché hanno capito la nostra forza. Penso che uno dei fattori decisivi sia stato non dare riferimenti, come abbiamo fatto per tutto il torneo, alle squadre che affrontiamo. Il mio messaggio per gli altri è: potete anche “abbattercene” una o due, ma noi ne abbiamo almeno quattro pronte a entrare e a dar fastidio. Dopo questa grande vittoria è il momento di fermarsi un attimo, parlerò con le ragazze per vedere come affrontare al meglio l’ultima fase. Se devo dire una cosa che stasera mi è piaciuta in particolare è stata la difesa, siamo andato molto bene.”

 

PICCININI: “È stata una bellissima partita, con un grandissimo pubblico e di fronte un squadra davvero di alto livello. Abbiamo dimostrato di essere un grande gruppo, il nostro sogna continua. Stasera ci siamo divertite, sapevamo dell’importanza della gara ma siamo entrate in campo con il sorriso sulle labbra, dimostrando ancora una volta tutto l’amore che abbiamo per questo sport. Nonostante questo bel successo, però, non ci montiamo la testa e con la nostra umiltà cercheremo di fare un piccolo passo alla volta.”

 

FOLIE: “Avevo davvero una gran voglia di giocare e penso si sia visto. Dopo aver attaccato la prima palla, mi sono detta stasera spacco tutto. Vincere in questo modo, contro una squadra forte come la Cina è una grandissima soddisfazione. Ora dobbiamo aspettare l’esito del sorteggio per conoscere i nomi delle nostre avversarie, ma chiunque ci toccherà abbiamo la sicurezza che possiamo giocarcela. Voglio ringraziare Bari perché il pubblico è stato strepitoso, giocare il Mondiale in casa con tutta questa gente che ogni partita ti spinge al massimo è una sensazione indescrivibile.”

 

SECONDA FASE RISULTATI – 5 ottobre

 

Pool E: (Bari) Dominicana – Giappone 2-3, Italia – Cina 3-1; (Trieste) Germania – Azerbaijan 3-0, Croazia – Belgio 1-3.

 

Pool F: (Verona) Serbia – Russia 0-3, Brasile – Stati Uniti 3-0; (Modena) Turchia – Kazakhistan 3-0, Bulgaria – Olanda 1-3.

 

CLASSIFICA FINALE SECONDA FASE

 

Pool E (Bari/Trieste): Italia 19, Cina 16, Dominicana 13, Giappone 10, Germania 9, Belgio 7, Croazia e Azerbaijan 5.

 

Pool F (Verona/Modena): Brasile 20, Stati Uniti 18, Russia 13, Serbia 11, Turchia 10, Bulgaria e Olanda 6, Kazakhistan 0.

 

Italia, Cina, Brasile, Stat Uniti, Repubblica Dominicana e Russia sono qualificate alla terza fase di Milano.

 

FORMULA – Terza fase (8-10 ottobre, Milano) – Le sei squadre qualificate dalla seconda fase verranno suddivise in due pool da tre.  I gironi verranno così composti: le vincitrici dei gruppi saranno inserite una in un girone e una nell’altro, mentre le seconde e le terze verranno assegnate ad ogni singola pool con un sorteggio.

 

Fase finale (11-12 ottobre, Milano) – La prima e la seconda classificata di questi due mini gironi accedono alle semifinali per le medaglie.

 

SORTEGGIO TERZA FASE – Il sorteggio per la composizione dei gironi (G e H, formati da tre squadre ciascuno) della terza fase di Italy 2014 si svolgerà lunedì 6 ottobre a Milano (ore 14) alla presenza dei rappresentati delle sei squadre ancora in corsa nel Mondiale. L’unico vincolo è che Italia e Brasile non potranno essere inserite nella stessa pool in quanto classificatesi prime nei rispettivi gironi.

 

VIDEO CHALLENGE SYSTEM – Dalla seconda fase del Mondiale verrà utilizzato Il Video Challenge System e potrà essere richiesto esclusivamente dall’allenatore dopo 5 secondi dalla fine dell’azione. Entrambe le squadre avranno a disposizione due richieste per set. Se dopo la richiesta l’arbitro darà ragione alla squadra richiedente questa manterrà invariato il numero di chiamate a disposizione, in caso contrario diminuiranno a zero.

Fonte www.federvolley.it

 

Tags